Vai al contenuto

Avere vent’anni: MITHOTYN – King of the Distant Forest

23 ottobre 2018


Sono particolarmente contento di dedicare un Avere vent’anni ad un disco dei Mithotyn, band-meteora svedese autrice di un trittico micidiale di dischi tra il 1997 e il 1999 che poi è sparita nel nulla quando il fondatore e principale compositore Stefan Wienerhall decise di averne abbastanza del black e delle screaming vocals e conseguentemente si dedicò ad un power metal con venature folk fondando i Falconer.

Ma giustamente dei Falconer non ce ne po’ fregà de meno perchè siamo qui per parlare dei grandissimi Mithotyn e precisamente della loro seconda fatica King Of The Distant Forest, da molti (me compreso) considerato il punto più alto della loro discografia. Come accennavo prima, la band di Mjolby venne inserita sin da subito nel calderone viking metal, denominazione sempre molto controversa che ha generato sempre un sacco di discussioni su chi potesse avere diritto ad usare questo termine e chi no. In realtà, se vogliamo proprio usare questo termine in riferimento ai Mithotyn, è sempre più corretto parlare di viking black metal, ossia un black metal di stampo battagliero accompagnato da sporadici momenti legati al tipico folk nordico, ma senza mai perdere in ferocia e senza lasciarsi andare a terrificanti atmosfere da sagra paesana. Da questo punto di vista la titletrack in apertura è un compendio perfetto del suono dei Mithotyn: un delicato arpeggio che sfocia dopo pochi secondi in un black metal melodico in tipico stile svedese su cui si staglia il lacerante screaming di Rickard Martinsson, schema che si ripete in Hail Me, uno degli highlights assoluti del disco con un ritornello talmente evocativo da farti venire voglia d’imbarcarti su un drakkar vichingo spadone alla mano ed assaltare qualche sperduto monastero cristiano. 

La grandezza dei Mithotyn sta soprattutto nell’immediatezza, nel riuscire a sintetizzare in brani della durata media di 5 minuti epicità, pathos e melodia all’interno del tradizionale black metal di scuola scandinava, attraverso canzoni mai scontate o noiose come ad esempio la superlativa From The Frozen Plains (l’intreccio finale tra chitarra ritmica e solista è da pelle d’oca) o la doppietta Under The Banner – We March, in cui le tastiere giocano un ruolo preponderante creando atmosfere da brividi. Se proprio vogliamo trovare qualche difetto in questo album possiamo parlare della produzione non proprio eccelsa e degli ultimi tre brani che non sono proprio indimenticabili: tra questi ci metto anche la strumentale Trollvisa che perde nettamente il confronto con la meravigliosa Lost In the Mist contenuta nell’esordio.

Come anticipato in apertura, dopo il comunque ottimo Gathered Around The Oaken Table il sipario sui Mithotyn verrà definitiavamente tirato giù, e sinceramente dispiace, soprattutto perché un gruppo come gli Amon Amarth lo conoscono anche negli asili mentre i Mithotyn se li sono cagati così in pochi. Ma si sa, il mondo è una merda e non lo scopriamo certo oggi. (Michele Romani)

5 commenti leave one →
  1. bonzo79 permalink
    23 ottobre 2018 11:59

    beeeelloooooooo…

    Mi piace

  2. Cattivone permalink
    23 ottobre 2018 18:56

    Il mio preferito resta “Gathered around the oaken table”, il terzo ed ultimo, ma pure questo non scherza.
    A proposito dei Mithotyn, mi pare si sia parlato poco dei King of Asgard qua, per me sono stati un surrogato tutto dommato accettabile.

    Piace a 1 persona

    • 25 ottobre 2018 12:13

      Il primo loro disco era una bomba assurda… Mi sembrava davvero di sentire il continuo di Gathered, e c’è gente che ha anche avuto il coraggio di dirmi che sembravano la copia uscita male degli Amon Amarth, mah… Poi non so che fine abbiano fatto, meritano un recuperone?

      Mi piace

      • Cattivone permalink
        29 ottobre 2018 16:29

        Il loro secondo “…To North” era un discone che ti consigliere di recuperare, il successivo “Karg” invece nulla di che. Non so se hanno fatto altro, non mi pare.

        Mi piace

  3. Supermariolino permalink
    11 novembre 2018 23:01

    Che discone! Grazie, non li conoscevo. Hail me è la quintessenza del Metal.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: