Skip to content

Amore a prima svista: WORSELDER – Paradigms Lost

11 gennaio 2018

I Worselder mi ricordano quella volta che un mio amico si innamorò a prima vista.

E’ bello assistere in prima persona a certi momenti, anche se le premesse non furono proprio delle più romantiche. Lui aveva visto da qualche metro di distanza il culo dei culi, nella forma e nelle dimensioni che preferiva. Poi, con lo sguardo era risalito fino a scorgere i suoi fianchi, ai quali arrivava una bionda chioma fluente, curata e luminosa nei riflessi. Con i capillari dilatati negli occhi e un crescente interesse carnivoro, non gli rimaneva che aspettare che la figliola si girasse per ammirarne finalmente il volto, che doveva per forza di cose essere bellissimo. Sfortunatamente, avevo osservato la scena da una differente angolazione ed a qualche metro di distanza da lui, impossibilitato nell’ avvertirlo o forse sadicamente divertito dal fatto che solo io riuscissi a vedere le sue mani. Che erano intente nell’ insacchettare qualche prodotto alimentare, e dotate di dita lunghissime – così come gli zigomi fuoriuscivano  dal profilo in una sorta di monito ferale. Era decisamente un uomo, e quando il mio amico se ne accorse tutte le sue speranze non solo andarono in frantumi, ma lo portarono a giustificarsi con me sostenendo che il culo era molto bello, e che era impossibile non farci caso ad una prima occhiata. Ormai però era troppo tardi, la brasiliana si era accorta di lui e lo adocchiava alla maniera del cane con la ciotola contenente il pastone di carne e verdure, che il padrone gli ha preparato con infinito amore al termine di una giornata passata a giocare insieme al prato.

Per questo, se doveste notare che il logo dei francesi è una ficata assoluta non fate come il sottoscritto, che – una quindicina d’anni fa e ad una qualunque fiera del disco – avrebbe acquistato il prodotto a scatola chiusa immaginando di essere davanti ad un papabile clone degli Xentrix. La musica proposta dai Worselder, che almeno hanno avuto la decenza di non essere eccessivamente truffaldini da terminare il nome in -ATOR, è sì radicata nel thrash metal ma prende come punto di riferimento assoluto il bistrattato movimento degli anni novanta. Molto groove unito ad un’ anima sfacciatamente rock: per farla breve, immaginatevi di base che certe cose dei Grip Inc. si scontrino con gli Anthrax di Bush passando per gli Overkill di metà decennio. Questo è purtroppo solamente un terzo del cocktail, che lascia lo spazio maggiore al solito metal core dei giorni nostri, dunque a Trivium e compagnia bella; con una voce che come al solito spazia dal pulito a molteplici sfaccettature del cantato sporco, risultando efficace ed espressiva solamente nel primo caso. Tecnicamente il gruppo non è messo male, anche se la batteria mostra i suoi limiti ogni volta che tenta di accelerare, e spesso vengono messi in mostra arrangiamenti ricollegabili a quelle reminiscenze prog metal che ormai sono presenti un po’ dappertutto, e di cui restando in patria ho parlato nel recente pezzo sui validissimi Cormorant. Dischetto sufficiente questo Paradigms Lost, di cui vi consiglio di ascoltare le centralissime Severed, e My Consuming Grief, in cui la band prova a giocherellare – senza piena padronanza – con certe cose dei Gojira.

4 commenti leave one →
  1. 11 gennaio 2018 19:14

    se il tuo amico fosse stato n’omo vero gli avrebbe dato una botta comunque.

    Liked by 1 persona

  2. 11 gennaio 2018 20:37

    Sì, ma intanto muore (anche) Fast Eddie Clarke. Come la mettiamo?

    Liked by 1 persona

    • 13 gennaio 2018 18:11

      Se nessuno riesce a scrivere un pezzo bello e sentito in tempo, evitiamo di pubblicare necrologi di poche righe, tutto qui.

      Liked by 1 persona

      • 14 gennaio 2018 09:18

        Il mio voleva essere un ricordo, sia pure di poche righe, e non una critica. Grazie della risposta e, comunque, Fast Eddie vive.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: