Skip to content

JOSH HOMME trasmigra in Guile di Street Fighter e dà un calcio a una fotografa

11 dicembre 2017

Street-Fighter-2-Guiles-Stage.jpg

Il canale digitale DMAX ci mostra con fierezza – tramite alcuni dei suoi più affermati format – come al mondo l’uomo si sia nel tempo adoperato a effettuare quotidianamente lavori pericolosissimi. Alcuni dei quali attentano addirittura alla sua incolumità, ad esempio trasportare legname su camion passando però per piste naturali ricavate sopra ad un lago ghiacciato al termine della stagione fredda, e con l’incombere di una primavera potenzialmente assassina. Aggiungerei che fare il fotografo ai concerti non è affatto una delle situazioni più comode in cui ci si può imbattere: per essere sincero, l’unica volta che ho temuto di buttare al cesso interi stipendi di attrezzatura è stata ad una serata con i Sabotage headliner nei dintorni di Scandicci. Si scatenò il pogo sulla celeberrima Killer della Notte, e mi arrivò addosso un tizio che per mia fortuna pesava fra i 20 e i 40 chilogrammi. Due metallari vicini a me hanno fatto in modo che nessuno dei due cadesse, e li ringraziai sentitamente (ma a dire il vero sarebbe stato da offrirgli come minimo una boccia di Glenfarclas).

Ma, a mettermi in guardia dai rischi per la salute e la sicurezza che questa situazione è in grado di offrire, è una fotografa statunitense di nome Chelsea Lauren, che – a pochissimi giorni dal disastro aeroportuale avvenuto in California – ha affrontato il leader della rock band da parrocchia Queens Of The Stone Age uscendone contusa e in direzione pronto soccorso. Pare che, sotto stress per il recente arresto, Josh non sappia più cosa inventare per darsi un tono, dato che il suo ultimo lavoro in studio si chiama Villains e, quando intitoli qualche cosa così, dovresti avere come minimo come ospite gente del calibro di Gaahl, comporre la roba più brutale che sia mai stata concepita e inneggiare al narco-satanismo sulla scia dei Brujeria. Inoltre, qualcuno gli avrà fatto notare che per suonare una specie di rockabilly danzereccia non importava sostenere photosession estive con tutta quella pelle borchiata addosso, ma era sufficiente un costume da bagnino emancipato, che in siffatte apparenze confessa al mondo la sua passione per Paul Masvidal e il suo irresistibile riffing filosofeggiante. Posseduto dal personaggio Guile di Street Fighter 2, durante uno show in California (luogo che a questo punto dovrebbe essere messo perlomeno in quarantena), Joshua ha colpito al volto la fotografa – la quale si trovava impegnata in una composizione ravvicinata, tradita dalla distorsione grandangolare che non le ha suggerito quale distanza di sicurezza mantenere.

Le focali corte allontanano, birbona, ma tu sei comunque molto vicina!

Homme – oramai più pericoloso del mostro demolitore di Cloverfield – afferma di avere preso a calci un po’ di tutto fra cui la sua stessa attrezzatura di scena, e che in mezzo a cotanto ciarpame di amplificatori e pedaliere da svuotacantine si trovasse l’incauta fotografa. La quale, a giudicare dal videoclip messo a disposizione dal caparbio Blabbermouth, risulta essere invece l’unico oggetto individuato, colpito e affondato da un solo colpo assestato con la precisione di un fucile Barrett M82. I nostri suggerimenti sono a questo punto tempestivi: dimenticate un approccio upskirt e lo stivale aggressivo cuissarde, e tenetevi pronte per assaltare le prime file con una tuta da sminatore simile a quella ammirata in The Hurt Locker dell’ ottima Kathryn Bigelow. Se il caldo e la disidratazione dovessero provare a sopraffarvi, ci sarà sicuramente un bar nelle vicinanze in cui scegliere fra una merdosissima spremuta di pompelmo, la Poretti 58 luppoli o una apprezzabile trappista ad alta gradazione, quest’ultima capace di farvi ulteriormente sudare. Il robusto casco resisterà sicuramente alle seven hit combo del compositore americano e tornerete a casa sobrie, salve e pronte a post-produrre in Adobe Lightroom o Photoshop il lavoro sagacemente svolto. (Marco Belardi)

cacciatore.jpg

“Josh, bello, devi contare su un solo colpo. Cosa cazzo tiri agli oggetti di scena?”

 

2 commenti leave one →
  1. vito lomonaco permalink
    11 dicembre 2017 11:05

    se non ti regge piu’ la pompa bisogna smetterla con droghe e alcool.

    Mi piace

    • Cure_Eclipse permalink
      11 dicembre 2017 13:54

      Tra l’altro mi sembra che suddette sostanze non lo aiutino più neanche a comporre dischi decenti, a giudicare dall’ultima uscita dei QOTSA.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: