Skip to content

Gli AGALLOCH si salvano in calcio d’angolo col nuovo pezzo in streaming

1 aprile 2014

agalloch celestial effigy coverIl nuovo pezzo degli Agalloch si chiama Celestial Effigy ed è un’anticipazione del prossimo album The Serpent & The Sphere, in uscita il 13 maggio. Chi, come me, aveva buttato giù svariate madonne per l’insensatezza del precedente Marrow Of The Spirit potrà tirare un sospiro di sollievo: non perché Celestial Effigy sia un capolavoro o sia paragonabile ai primi tre dischi, ma perché limita i danni. Se il precedente disco sembrava frutto di una coverband di ragazzini cresciuti con le superproduzioni Nuclear Blast, questo pezzo sembra un outtake di Pale Folklore. Di più: è una Hallways of Enchanted Ebony ricopiata quindici anni dopo, il che potrà fare storcere il naso a molti ma ricordatevi sempre che non è bene aspettarsi troppo da un gruppo che ha finito la propria evoluzione. D’accordo che memento audere semper ma se poi il risultato è Marrow Of The Spirit (o St. Anger, o Risk, o Illud Divinum Insanus) allora meglio tenere un profilo basso e suonare ciò che più riesce meglio suonare. Si può non condividere, ma se anche dei giganti come gli Agalloch possono essere capaci di scadere al livello di Marrow allora secondo me è mille volte meglio tenersi questa Celestial Effigy che non riesce a uscire dal mio stereo da una settimana. En passant, se l’avessero incisa i Gallowbraid sarebbe diventata la canzone dell’anno. 

3 commenti leave one →
  1. 1 aprile 2014 16:56

    Comprendo il punto di vista, ma paragonare Marrow Of The Spirit a St. Anger, o Risk mi sembra un po’ eccessivo, tutto considerato! Sebbene non dotato della stessa portata artistica dei primi tre lavori, secondo me è un disco ancora del tutto godibile, con ampi sprazzi di quello stesso intenso e incontaminato spirito che siamo soliti associare al nome Agalloch… In questo senso sì, se l’avessero incisa i Gallowbraid (oppure WoD, Krallice, WitTR) Celestial Effigy sarebbe automaticamente brano-capolavoro, e se così non è per gli Agalloch, è solo perchè siamo abituati troppo bene, la qualità è un vizio che non vorremmo smettere mai (parafrasando il Liga nazionale XD)… Anyway, non vedo l’ora che esca The Serpent & The Sphere, per potermi nuovamente immergere nello spirito e nella magia, senza pormi domande/condizioni/categorie… Just listen, and dream…

    Mi piace

Trackbacks

  1. AGALLOCH – The Serpent & The Sphere (Profound Lore) | Metal Skunk
  2. Metal Skunk si oppone fermamente ai viticoltori che sparano Mozart alla propria uva | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: