Skip to content

Gli Alkaloid e il futuro del death metal

12 aprile 2015

493057Eccoci qua, avevo promesso che ne avrei parlato e non intendo tirarmi indietro, soprattutto non dopo essermi scofanato The Malkuth Grimoire degli Alkaloid, disco che mi ha dato lo spunto definitivo per buttare giù una riflessione che mi frulla in testa ormai da diverso tempo.

Andiamo con ordine: gli Alkaloid altro non sono se non una all-stars band formata da ex-Necrophagist, ex-Obscura e compagnia bella, insomma gente che ha passato buona parte della propria adolescenza a sfregiarsi i polpastrelli sulla chitarra. Fin qui non ci sarebbe nulla di male, ma la risonanza che ha avuto il debut di ‘sti cani deve tutto al periodo storico nel quale il disco è stato prodotto. Ormai da diversi anni vedo susseguirsi un trend dopo l’altro all’interno del death metal: prima lo slam, poi il revival old school e adesso il technical. Ognuno di questi risponde ad una precisa necessità da parte del pubblico in quel dato periodo: lo slam ha cercato di esplorare la pesantezza di un genere come il brutal dal punto di vista di un’esecuzione lenta, cadenzata e ridondante (con risultati pessimi aggiungo io); il revival old school rispondeva all’insoddisfazione da parte di numerose persone nei confronti di ciò che il death metal stava diventando, cioè una parodia di se stesso.

RandysBigballs

questi siete voi dopo aver terminato l’ascolto di                               The Malkuth Grimoire

E il technical? Ancora non mi sono fatto un’idea precisa in merito, ma tendo a credere che quest’ultima moda (perché di moda si tratta) sia nata per tentare di ammantare il death metal di un’aura sofisticata, intellettuale e colta, quasi a voler prendere le distanze dalle origini stesse del genere, nato per mano di gente sanguigna ed istintiva (e, perché no, ingenua), il cui intento era sfornare la musica più cattiva, scorretta e pesante che ci potesse essere all’epoca. E come fai a rendere intellettuale il death metal? Semplice, lo infarcisci di tecnicismi strumentali, mandi a puttane il songwriting, catapulti sull’ascoltatore un’overdose di scale, assoli, tempi dispari e chi più ne ha più ne metta e, cosa più grave in assoluto secondo me, produci dischi dalla durata assolutamente indegna. E qua mi ricollego al disco citato in apertura: The Malkuth Grimoire è un precipitato di tutta la bravura e la perizia di cui gli autori sono capaci; peccato che sia anche una gigantesca rottura di coglioni, indigeribile ed insopportabile per qualunque essere umano dotato di una pazienza media e che sia interessato ad ascoltare della buona musica e non delle clinic su disco. Qua e là ci sono pure delle parti interessanti: un riff, un giro di batteria che ti si stampa in testa e poco altro, il resto è un mattone insostenibile dalla durata complessiva di un’ora e tredici minuti abbondanti. Un’ora e un quarto per un disco death metal, mannaggia a chi so io. Symbolic (di cui abbiamo parlato nello scorso appuntamento con Avere vent’anni) dura poco più di 50 minuti ed è P-E-R-F-E-T-T-O. È tecnico, è elaborato ed è pure lunghetto ma le canzoni ti si stampano in testa al primo ascolto. ‘Grazie al cazzo’ direte voi, gli Alkaloid non hanno un Chuck Schuldiner.

Il problema non è questo, il problema degli Alkaloid (e di tutte le altre band loro pari) è il volere a tutti i costi dimostrare qualcosa, sforzarsi di produrre della musica che non sia banale senza rendersi conto che questo non significa automaticamente che il prodotto finito sarà soddisfacente. Innovativo non significa necessariamente divertente. Ed io mi sono rotto i coglioni di spulciare il web alla ricerca di nuovo materiale e trovarmi davanti a dischi formati da 4 canzoni di 15 minuti ciascuna, è semplicemente sbagliato, è una presa per il culo nei confronti dell’ascoltatore. Non ce lo scrivere ‘death metal’ tra i tag, brutto coglione, scrivi ‘a noi piace il death metal, ma siccome non vogliamo fare la figura dei trogloditi che’ poi le fighe non ci guardano nemmeno e abbiamo il diploma del conservatorio appeso in camera, abbiamo riempito il disco con i nostri svarioni, enjoy’. Mi rendo conto che messa così sembra che io ce l’abbia a morte con qualunque band sfoggi una perizia tecnica di un certo livello ma, credetemi, non è così. Amo i Death, sia nel periodo più “canonico” sia in quello successivo, che poi era la loro vera natura. Amo gli Ulcerate che in quanto a perizia tecnica non sono secondi a nessuno e amo moltissime altre band che, pur sfoggiando una bravura indiscutibile, non perdono mai di vista il punto: scrivere canzoni. E non ce l’ho nemmeno con gli Alkaloid in particolare, rei solamente di aver prodotto un disco che mi è capitato sottomano nel momento sbagliato, se fosse stato un altro periodo lo avrei semplicemente ignorato. Ad ogni modo sentivo di voler parlare di questa questione, se non altro per sapere cosa ne pensate voi. Intanto io mi ascolto l’ultimo Sulphur Aeon che in 40 minuti spazza via tutto. Ah, vi lascio il player del disco degli Alkaloid, se riuscite ad arrivare in fondo vi meritate un posto nel Valhalla:

12 commenti leave one →
  1. Joe Stromboli permalink
    14 aprile 2015 12:42

    Lunga vita ai sulphur aeon!!!!!!!!

    Mi piace

  2. Cattivone permalink
    14 aprile 2015 15:08

    Non ho ascoltato il disco degli Alkaloid ma condivido in linea di massima le tue opinioni sia sul technical Death Metal di oggi sia sui Sulphur Aeon.

    Mi piace

  3. Seguace di Vindsval permalink
    14 aprile 2015 19:20

    Una volta nella posta a Metal Shock chiesero a Bargone la differenza tra death metal e black metal. Lui rispose che quelli che facevano death metal sapevano suonare e quelli che non sapevano suonare facevano black metal. Da allora, e grazie all’ampliamento della mia cultura musicale, ho sempre considerato il death come musica per forza tecnica. Poi ovviamente c’erano buoni musicisti e musicisti mostruosi, ma tutti dotati di attitudine e anima maligne, rabbiose, e sono queste che devono emergere. Chi si fa le seghe sulla chitarra non mi aiuta a trascendere niente, non mi trasmette niente, non si sintonizza con la mia rabbia, non è catartico e tutti quegli altri motivi per cui presumo si sceglie di ascoltare il metal. Poi sono d’accordo che un disco che dura più di un’ora, di qualsiasi genere sia, a meno che non sia un capolavoro, è un crimine contro l’umanità.

    Mi piace

  4. Lorenzo (l'altro) permalink
    14 aprile 2015 22:21

    Magnifici gli Ulcerate

    Mi piace

  5. Giovanni Neve permalink
    15 aprile 2015 12:56

    Che poi è il problema dell’universo metal tutto, mi sembra… In attesa della cosiddetta “next big thing” si porta all’estremo quel che già esiste o si recuperano sonorità del passato…

    Mi piace

    • 15 aprile 2015 13:34

      Se poi ci sarà mai questa ‘next big thing’, è dagli Slipknot che non ne esce fuori una che sia ‘big’ sul serio. Mi fa piacere che i Mastodon o i Behemoth godano di un tale successo, dato che sono ottimi gruppi ‘di ingresso’ per i più giovani, ma restano gruppi settoriali venuti fuori da scene già sviluppatesi per conto loro.

      Mi piace

  6. 22 aprile 2015 17:26

    Posso essere d’accordo sul “70 minuti mortacci vostra”, ma il resto di quello che ha scritto, a mio parere, è semplicemente basato su opinioni che non avvalora in nessun modo se non basandosi su un suo ideale di “quello che il death metal dovrebbe essere”. Se dischi come Symbolic, per prendere il primo citato da lui, sono stati scritti è proprio perché qualcuno in passato ha avuto il coraggio di scardinarsi da quelli che erano gli stilemi e l’ideale, probabilmente restrittivo di quello che il death metal dovrebbe essere, altrimenti tutti i dischi ora sarebbero fotocopie di Seven Churches e Causes of Death e non apprezzeremmo più neanche quelli. Non dico che questo disco (o altri simili) debba piacere a prescindere, anche perché può essere che domani mi sveglio e non piace più manco a me, perché la mia sensibilità è cambiata, ma penso che la critica si muova su presupposti errati. E soprattutto, quello che più mi spaventa, è che alcuni dei giornalisti o sedicenti tali che si occupano della stesura di questi articoli (e non mi riferisco specificamente a Luca) sembrano fare leva a tal punto su una presunta pretenziosità dei musicisti ultratecnici che vorrebbero ad ogni costo mettere in mostra la propria bravura, da apparire loro stessi presuntuosi nel pretendere di conoscere gli intenti ultimi di chi ha composto e realizzato il disco.
    (15 righe mortacci mia)

    Mi piace

  7. blackwolf permalink
    3 aprile 2017 13:17

    Concordo su tutta la linea. Basta cercare di far diventare alcuni generi, ciò che non sono e cercare di fare musica per gente con gli occhialetti, la barba e la camicia a quadrettoni. Se ascolto una cosa, tipo il death, mi aspetto gli scapocciamenti e brutalità, pochi cazzi. W l’ignoranza e w la fregna. (che ci sta sempre.. ) Anche perché, in maniera diversa, ma questo tentativo di intellettualizzare il metal, porta nella scena gente che poi si piglia a male se Anselmo dice stronzate da ubriaco e cose simili… se il metal si riempie di intellettualoidi perbenisti, chiaro che le band per mangiare, faranno musica per gente del genere.. e questo è male!!!! Come recita il vostro slogan: fuori gli indieboy dall’heavy metal.

    Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. SULPHUR AEON – Gateway To The Antisphere (Imperium) | Metal Skunk
  2. SKINLESS – Only The Ruthless Remain (Relapse) | Metal Skunk
  3. TEMPLE OF BAAL – Mysterium (Agonia) | Metal Skunk
  4. Frattaglie in saldo #30: pepperoni handgrenades | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: