Skip to content

ORIGIN – Omnipresent (Agonia Records)

4 agosto 2014

410122Mea culpa preventivo per aver perso di vista gli Origin durante gli ultimi 6 anni, precisamente dall’uscita di Antithesis, gran disco che però coincise con il mio periodo di maggior allontanamento da qualunque cosa mi suonasse anche solo vagamente “technical”. Non ho mai sentito il penultimo Entity, quindi, se qualcuno tra voi prodi me lo consiglia nei commenti, sarò ben felice di dargli una passata (qua, invece, la puntata di frattaglie in saldo dove ne avevamo trattato all’epoca ndCiccio). Se poi si rivela bello e cazzuto almeno la metà di questo Omnipresent, tanto di cappello. Io e il buon Ciccio Russo riflettevamo tempo fa sul fatto che l’anno è iniziato da un bel po’ ormai e di disconi colossali non se ne sono visti in ambito death metal (Behemoth e Dead Congregation a parte, ma questa è una mia opinione). Poi giungi a luglio e ti arriva ‘sta fucilata tra capo e collo da un gruppo che sì, hai sempre rispettato ma fino a un certo punto.

Omnipresent ha tutto ciò che rende un disco di technical death metal (quanto le odio ‘ste classificazioni da psicotici) degno di essere ascoltato, ovvero: tecnica in giuste dosi, zero ridondanza, zero sfoggi di abilità fini a se stessi, produzione curata il giusto (il trigger è come il sale, un po’ va bene ma se esageri vomiti) e, soprattutto, I RIFF. Non mi stancherò mai di ribadire quanto questo concetto sia importante e sopravvalutato. Prendete i Bolt Thrower, compongono lo stesso disco da più di vent’anni ma ogni volta è una goduria, perché le canzoni ti si stampano in testa. È un principio questo che pare sfuggire di mente a molte band che fanno della tecnica il proprio cavallo di battaglia: ti sciorinano sedicimila scale in trenta secondi ma quando si tratta di scrivere una canzone che sia capace di stamparsi in testa all’ascoltatore cadono in preda al panico e si mettono a rimestare gli appunti del conservatorio cercando di capire dove abbiano sbagliato. Sarà l’esperienza, sarà la cazzimma (o come si dice dalle mie parti, il soramànego) fatto sta che gli Origin in questo meccanismo non ci sono cascati e Omnipresent si rivela un discone dall’inizio alla fine capace di equilibrare al meglio tutti gli elementi giusti: composizione attenta, cattiveria, atmosfera e tecnica pura. Prendano nota le miriadi di band che fanno dell’onanismo musicale la propria ragion d’essere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: