Skip to content

ANATHEMA – Distant Satellites (Kscope)

18 giugno 2014

407626Mentre stavo buttando giù il pezzo di anteprima su Distant Satellites, un po’ incredulo nel constatare che The Lost Song – Part 3 non riuscisse a trasmettermi pressoché niente, né calore né particolare gioia di vivere, già cercavo di pensare a come avrei dovuto impostare la successiva recensione qualora il disco non si fosse rivelato all’altezza del precedente. Togliamoci subito questo dente: ebbene no, non è all’altezza ma non tutto è perduto e cerchiamo di capire perché. Né calore né particolare gioia di vivere… Dunque, l’anticipazione consisteva in un brano freddino che, complice una ritmica poco convincente riscontrabile anche in altri parti dell’album, lasciava presagire un minor coinvolgimento emozionale. Come abbiamo ben sperimentato su noi stessi, Weather Systems era tutto un tripudio di bellezza e amore. Avendo approfondito con attenzione mi sento di dire che parecchia di quella magia, diciamo presente anche negli ultimi tre dischi, viene a mancare.

Di base non è che Distant Satellites si discosti poi tanto dal sound caratteristico di questi ultimi ‘anathemici’ anni, solo che accentua certe caratteristiche che diventano quasi tendenza. Non voglio fare il bastian contrario ma quando una caratteristica diventa tendenza io tendo ad assumere posizioni di difesa: la melodia tende a diventare mielodia (con gli obbligatori distinguo, tipo Ariel, che però sfigura di fronte a qualsiasi ballata strappalacrime da We’re Here Because We’re Here o da Natural Disaster), i tempi lenti diventano tempi fermi e i silenzi di sospensione riempitiva dei vuoti. Prima di tirare le somme cominciamo a segnarci questo: freddo e lento. Tra i commenti all’anteprima utilizzaste in modo condivisibile i verbi smorzare e mancare. Una cosa che tendo a non fare è leggere le recensioni degli altri ma quando lo faccio è perché devo tranquillizzarmi sul fatto che il pensiero comune sia sempre allineato con se stesso; invece (e beccatevi pure ‘sta ruffianata), in generale, tengo in maggior considerazione i commenti dei lettori di questo blog. Il pensiero comune odierno pare uniformato su giudizi che vanno dal grandioso all’estatico, quindi lì fuori tutto scorre acritico come al solito e sembra che grazie alla doppietta ultraterrena di Untouchable i Cavanagh abbiano guadagnato un jolly da usare nei momenti di difficoltà come questo, tipo la Ruota della Fortuna. Un momento di difficoltà? Se vi sembro troppo duro nei confronti degli Anathema, lo faccio in buona fede avendo, come sempre d’altronde, aspettative elevatissime che mai, o quasi, vengono disattese. Più che estatico, invece, il mio giudizio è: statico.

Allora ricapitoliamo: freddo e lento, smorzare e mancare, statico. Cominciamo a tirare le somme. In quell’intervista di cui vi parlammo, Danny diceva che il nuovo disco sarebbe stato ‘uno strano mix di roba elettronica e materiale più classico’ e ora capisco pienamente cosa intendesse per ‘classico’ e la cosa non mi affascina, per quanto non possa non affermare che i pezzi in questione siano pure belli se presi da soli. Non so voi come la pensiate (a questo punto mi interessa saperlo) ma la mia opinione sull’ultimo lavoro degli Anathema rimane ancora abbastanza contrastante. Avrei preferito sicuramente perdermi di nuovo nelle emozioni di WS e non è andata così. A volte, invece, tende a deconcentrarmi. Ecco, e forse è qui il punto della questione, Satellites non coinvolge totalmente. Sul perché non saprei dire, forse hanno accelerato troppo i tempi e forse serviva un altro po’ di riflessione per riconquistare l’ispirazione. Resta il fatto che, tra i gruppi che più hanno cambiato stile negli anni, gli Anathema si confermano essere tra i migliori e i più coerenti. Tornando alle affermazioni di Danny, l’elettronica c’e e, vi dirò, rappresenterebbe anche la parte più interessante dell’album se non fosse che, invece degli Anathema, pare di ascoltare i Radiohead. Infatti mi affascinano di più pezzi come You’re Not Alone e la title track che quelli ‘classici’ ma i ‘difetti’, o i mancati pregi, di questo disco sono talmente evidenti che mi è veramente impossibile parlarne in toni maggiormente elogiativi. Ed è un peccato perché certe intuizioni, tipo la parte finale di Dusk (uno dei rari momenti da brividi), avrebbero meritato un contesto migliore in cui inserirsi. Per chi li scopre adesso, probabilmente questo sarà un disco da dieci e lode; decisamente non per me. La tendenza generale del 2014, fino ad ora, è veramente penosa e, nonostante creda questo sarà il capitolo degli Anathema che meno ascolterò in futuro, è possibile che anche un disco non riuscitissimo arriverà a conquistarsi comunque un suo posto di rilievo. (Charles)

11 commenti leave one →
  1. Arkady permalink
    18 giugno 2014 13:34

    Se tra A Natural Disaster e WHBWHB avessero pubblicato questo album ci staremmo storcendo il naso un po’ meno. DS è un passo emotivo in dietro rispetto a WS. Bello è bello, ma come dici tu da loro ormai ci si aspetta cose esagerate. Per quanto mi riguarda questo di per se è un album che band attive da 20 anni come loro se lo sognano. Comqune rispetto al precendente che è un album più aperto come atmosfere e basato principalmente su Daniel, questo è senza dubbio il loro miglior album come prestazione di Vincent: la voce di entrambi su DS è il punto di forza:

    Mi piace

    • 18 giugno 2014 19:24

      Non credo di parlare solo per me se dico che, all’epoca, accolsi A natural disaster (che, a sua volta, aveva come difetto principale il venire dopo un capolavoro come ‘A fine day to exit’) molto freddamente per poi riscoprirlo e imparare ad amarlo ascoltando quei brani dal vivo durante il tour di ‘Weather systems’… Vero, Charles?

      Mi piace

      • Arkady permalink
        18 giugno 2014 20:54

        Ho già il biglietto per il 6 ottobre all’alkatraz infatti! Comunque più lo ascolto più mi piace

        Mi piace

      • Charles permalink
        19 giugno 2014 10:23

        a me piacque da subito ma è vero, all’inizio lo misi un po’ da parte. adesso è tra i dischi degli Anathema che ascolto di più in assoluto mentre A fine day, che all’epoca avevo letteralmente consumato, non lo riprendo da una vita. e comunque WS è il miglior disco da Alternative 4, giocoforza tutti gli altri perdono miseramente al confronto

        Mi piace

  2. MorphineChild permalink
    18 giugno 2014 19:06

    Dai primi ascolti pare bello bello, solo non bello bello bello in modo assurdo come Weather Systems, che raggiungeva vette emotive inarrivabili. Meno chitarre, più piano e orchestra, una corposa prima parte che espande i crescendo di Untouchables ed una coda che prende più spunto dall’elettronica di The Storm Before The Calm. Poi per me il discorso tecnico passa in secondo piano, perché quando in The Lost Song Vincent canta “Fear is just an illusion”, una dolce malinconia mi sale dentro come una marea e mi pervade, e mi viene voglia di ascoltarla e riascoltarla e riascoltarla. Nel flusso del disco assume valore anche la terza parte della canzone, che da sola non aveva impressionato, mentre Ariel e Anathema sono due canzoni semplicemente stupende, la seconda con Danny a dipingere un assolo stratosferico. Fascinosa infine la sezione più elettronica e sperimentale, con un altro tour de force emotivo come Distant Satellites. Tirando le somme, un album molto bello, peraltro l’ennesimo di una band che da quando è nata non ha praticamente mai sbagliato un disco, che non raggiunge le vette eccelse di WS ma ne è degnissimo successore

    Mi piace

  3. Daniel permalink
    22 giugno 2014 14:31

    Concordo su tutto con il recensore

    Mi piace

Trackbacks

  1. Anathema @Klub Studio, Cracovia, 26.10.2014 | Metal Skunk
  2. Taccuino del Roadburn: Day 3 & Afterburner | Metal Skunk
  3. Ti porterò dove si venera IL RIFF: Roadburn Festival 2015, Tilburg (Paesi Bassi) | Metal Skunk
  4. Avere vent’anni: novembre 1996 | Metal Skunk
  5. Life sucks and then you die: ANATHEMA – The Optimist | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: