Once upon a time in Norway #9 – Interrogazioni parlamentari

dimmuborgir_girl_bra

nuovi deprecabili mezzucci per aumentare le visualizzazioni

Ieri sera, grazie al profilo Facebook di Didrik Søderlind, mi è capitata sotto gli occhi una storia che colpevolmente mi era sfuggita e che non possiamo non condividere con voi. Prima che ve lo chiediate: sì, Didrik Søderlind è proprio quello lì, che ha scritto quel libro con quell’altro tizio . Ora lavora per l’Human-Etisk Forbund, una specie di associazione degli agnostici norvegesi, e cura un blog sui bassotti.

Trovate tutto a questo link. Insomma, lunedì scorso il parlamento norvegese ha varato una nuova legge sulla discriminazione, che proibisce espressamente comportamenti irrispettosi riguardo a etnia e religione. La cosa simpatica (simpatica) è che un rappresentante del Kristelig Folkeparti (partito di centro di ispirazione cristiana, meno corrotto e più legato alle società di temperanza della nostra DC) ha pensato bene di porre un’interrogazione parlamentare al ministro delle pari opportunità e dell’integrazione Inga Marte Thorkildsen. In breve, il KrF chiedeva al ministro se ci fossero gli estremi di reato per il testo della canzone Antikrist dei Dimmu Borgir, tratta da Stormblåst (1996). Lasciamo giudicare voi: andate a questo link, così fate anche esercizio con le lingue.

Tralasciando la strumentalizzazione di Shaggy e dei suoi (a cui hanno pure dato tre Grammy Awards), c’è da chiedersi cosa il KrF abbia fatto negli ultimi 17 anni per non accorgersi di tale grave pericolo. E se scoprissero che i DB sono solo delle educande rispetto alle decine di gruppi norvegesi stupramadonne? Il KrF ha mai sentito Da den kristne satte livet til, giusto per restare in tema? Finirà come con Hamsun, che gli hanno dato il Nobel e poi hanno scoperto che era nazista?

Ma non è finita. Il ministro ha detto chiaramente che:

“Non ho intenzione di interpretare un testo così sui due piedi e di dire se rientri nella legge appena varata. Sarebbe poco serio”.

E allora si sono scomodati fior fiore di professori di storia delle religioni e scienze politiche, per giungere a cogenti conclusioni quali:

“Se l’avessero detto in una recita scolastica, non si sarebbe offeso nessuno, però”

Oppure:

“Sono parole forti. Tra le peggiori che abbia letto. Sono per la massima libertà d’opinione in campo politico, ma l’arte non dà carta bianca per esprimersi in questo modo. “.

Mala tempora currunt, insomma. Vi terremo aggiornati.

5 commenti

  • sergente kabukiman

    george orwell la sapeva lunga.. 1984 è attualissimo

    "Mi piace"

  • “PMRC part 2: the metal years”.

    "Mi piace"

  • Il senso del pudore e della decenza maschera benissimo l oppressione di regime.. che sia di destra sinistra o centro..
    È una storia vecchia come il mondo ormai, ma sempre attuale purtroppo..

    "Mi piace"

  • Certo che per via dei dischi più recenti i DB qualche anno di galera se lo meriterebbero davvero. Ma parlando del fattaccio sopra mi viene da dire che si tratta dell’ennesimo abuso di potere da parte della massa pecorona nei confronti di una minoranza, cosa che che appunto la nuova legge varata dal governo norvegese dovrebbe prevenire. Fossi nei Dimmu denuncerei quel partito cristiano per atti intimidatori, abuso di potere, censura e chi ne ha più ne metta.

    "Mi piace"

  • Vorrei precisare che il blog sui bassotti è un signor blog in campo neofolk, che consiglio a tutti gli uomini di buona volontà, anche se fa finta di essere il portavoce del suo bassotto. Non sapevo fosse lui però!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...