Tag Archives: Vektor

Il death metal che ci garba: CRYPTIC SHIFT – Visitations from Enceladus

Nell’ascoltare ed immediatamente apprezzare i Blood Incantation mi domandai quanto tempo sarebbe trascorso prima di poter rivolgere altrettanti elogi a una band simile. Il pensiero rimase dunque nei meandri del death metal tecnico, e continuai con i miei ascolti quotidiani lasciando in disparte la questione. Ci siamo. Non grido al miracolo come con Hidden History of the Human Race: ci

Continua a leggere

David DiSanto pensa a un nuovo album dei VEKTOR, o forse no

Mentre gli Stati Uniti si incamminano verso la soglia del mezzo milione di casi di COVID-19 accertati, uno dei musicisti più rimpianti delle ultime annate sta trascorrendo il lockdown (o ciò che il suo Stato d’appartenenza avrà stabilito per contenere al meglio il diffondersi dell’epidemia) saltando dal divano al bagno e dal bagno alle colline desertiche dell’entroterra degli Stati Uniti. Se

Continua a leggere

Terminal Redux: perché tutti stanno (giustamente) uscendo pazzi per i VEKTOR

Non è solo perché Terminal Redux richiede una lunga assimilazione che ho aspettato un po’ per scriverci un articolo. Ultimamente non ho avuto molto tempo per ascoltare materiale nuovo e sono stato subissato da pareri entusiasti da gente di cui mi fido abbastanza. E il gioco delle aspettative frega anche noi vecchi tromboni. Non volevo quindi rischiare di scrivere una recensione freddina solo perché

Continua a leggere

VEKTOR / ANGELUS APATRIDA @Traffic, Roma, 26.11.2015

Ormai abbiamo istituzionalizzato la combo Quagliaro-Traffic e ci avviciniamo al locale planando sulla Prenestina grazie alla spinta dinamica proveniente dai nostri nuovi jetpack rettali, alimentati dai fagioli con le cotiche e dalla doppia porzione di pasta e fagioli che ci siamo scofanati a cena. Ci siamo persi gli olandesi Distillator e ci dispiace perché un gruppo che si chiama Distillator

Continua a leggere

HELLFEST 2013 – 20/22 giugno, Clisson, Francia

Per prima cosa mi si permetta un consiglio: cominciate a mettere i soldini da parte e l’anno prossimo andate all’Hellfest. Questo a prescindere dalle band che verranno annunciate, tanto con sei palchi per quattordici ore al giorno per tre giorni di seguito sarà comunque pieno di roba strafica. L’offerta quest’anno era talmente ricca che, prima di partire, non è che

Continua a leggere
« Vecchi articoli