Tag Archives: Glen Benton

DEICIDE – Overtures Of Blasphemy

One With Satan attacca lenta. Il riff ricorda Whatever That Hurts dei Tiamat in maniera bizzarra. Poi parte una slayerata e il ritornello è cadenzato e ignorante. Si sente che non ha scritto tutto Steve Asheim. L’uscita dell’ex Cannibal Corpse Jack Owen ha significato la perdita di un innesto durato dodici anni. Una sostituzione non semplice di partenza, quindi. Asheim ha spiegato

Continua a leggere

Avere vent’anni: DEICIDE – Serpents Of The Light

Ciccio Russo: Once Upon The Cross era una carneficina, calava un po’ nel secondo lato ma aveva un suono incredibile e Benton sembrava davvero posseduto dal demonio. Satana si sentiva sul serio, un po’ come in Covenant. In Serpents Of The Light invece, non si sentiva neanche un po’. E non c’entra solo il fatto che quando uscì Once Upon The Cross ero

Continua a leggere

E CHI SE NE FREGA #8

Cari bambini, bentornati a E chi se ne frega, la rubrica spudoratamente copiata da ‘Cuore’ che raccoglie i titoli più stupidi e inutili apparsi su Blabbermouth, sito che un tempo – tra un approfondimento sulla collezione di scarpe di Tarja Turunen e una dichiarazione di David Draiman sull’Italicum – ti consentiva di rimanere ragionevolmente aggiornato e magari di scoprire pure

Continua a leggere

DEICIDE – In The Minds of Evil (Century Media)

C’è stato un tempo della nostra vita, diciamo intorno ai 15-16 anni, in cui più o meno tutti (teniamo fuori dalla statistica quelli che si iscrivono ai Papa Boys per viaggiare all’estero usufrendo di tariffe convenzionate) abbiamo trovato nella sana e liberatoria bestemmia la forma più alta di opposizione all’autorità costituita. Erano tempi in cui l’acronimo PD non serviva a

Continua a leggere

Pape Satàn aleppe, un nuovo pezzo dei DEICIDE!

Ralph Santolla era sempre stato un corpo estraneo nei Deicide, un po’ per le sue, diciamo, divergenze teologiche con Glen Benton (ho letto qualche mese fa un’intervista dove lo prendeva per il culo perché, almeno così sostiene, il chitarrista era solito girare con una croce al collo per annullare le influenze maligne provenienti dal nostro impallinatore di scoiattoli preferito), le

Continua a leggere
« Vecchi articoli