Vai al contenuto

Italian Psycho

6 febbraio 2019

Basta scorrere la prima pagina del capitolo intitolato “Fighe”, condiviso nei migliori Facebook della penisola da un tot di indignados del cancelletto, e immediatamente per associazione mentale rivive il ricordo della scoperta di American Psycho nella superba traduzione di Pier Francesco Paolini, arbitraria, moralmente ben più scorretta dell’originale, semplicemente inimmaginabile oggi. A cui subito si affianca un altro rimando: Idiocracy di Mike Judge che in troppo pochi videro, distopia ai tempi dell’uscita, oggi neorealismo.

Il libro di Fabrizio Corona (o del ghostwriter di Corona, chiunque sia/siano) è costruito per fare imbestialire le belle anime, far sentire migliori senza motivo altre belle anime, in generale abbassare il Q.I. oltre la soglia dei numeri negativi nel momento in assoluto più tetro della storia d’Italia, gonfiare il portafoglio del protagonista più di una marea di serate in discoteca (anche perché lentamente, inesorabilmente, stanno scomparendo una dopo l’altra), in maniera peraltro del tutto legittima: dove prima estorceva, ora gode con gli estratti conto. Soldi che sempre più versano volontariamente, spontaneamente: la quantità di copie vendute che non accenna a diminuire è la prova provata che sono intorno a noi, in mezzo a noi, soprattutto, in molti casi siamo noi (a leggerlo segretamente al cesso). J.T. Leroy, Melissa P., solo prove generali, maldestri tentativi paragonati al trionfo che si sta verificando: un plebiscito.

Grazie alla tecnologia, alla condivisione, al benpensiero o all’assenza di esso, ben prima che a chi scrive, revisiona, approva, stampa e distribuisce l’oggetto del contendere. Fino al prossimo motivo per indignarsi, alla prossima Giusta Causa da condividere prima di ordinare il pranzo mentre fuori nevica. (Matteo Cortesi)

5 commenti leave one →
  1. 6 febbraio 2019 19:03

    Si chiama decadenza, baby! Spero solo che, quando arriverà l’onda che ci spazzerà via (ormai, per quanto mi riguarda, non è nemmeno più questione di “se”), mi aspetti un bel futuro alla Mad Max, con le chiappe scoperte, le macchine che fanno le fiammone e i muscolazzi da vero Manowarrior

    Mi piace

  2. Fredrik DZ0 permalink
    6 febbraio 2019 23:16

    sono immune a queste cose. si sono riformati i dismember, il death metal torna a regnare.

    Mi piace

  3. Bacc0 permalink
    6 febbraio 2019 23:56

    Oh gente, pensate che questo demente era in classe alle medie con mia sorella, quando abitavamo a Milano. Sono i frutti letali dei “ruggenti” anni 80

    Mi piace

  4. vito permalink
    7 febbraio 2019 06:28

    se una foto di un uovo ha avuto 50 milioni di visualizzazioni ( io non l’ ho visto non bazzicando i social ma l’ ho letto ) siamo vicini “all’ estintore” !

    Mi piace

  5. Mirko permalink
    7 febbraio 2019 12:20

    che dire…. quanto vivo bene a 3000 km dalla Madrepatria in rovina. Poi il commento di lele mora fa pensare che chi parla sempre di figa in realtà preferisca sedersi su oggetti appuntiti…contento lui…frocio…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: