Skip to content

Back from the dead: BRUTALITY – Sea of Ignorance

8 dicembre 2016

brutality-sea-of-ignorance-digipakcd

Nessuno suonava come i Brutality, tra i gruppi più sottovalutati e ingiustamente dimenticati a emergere dalle paludi di quella Tampa che diede i natali a quasi tutti i colossi del death americano. Esordirono sulla lunga distanza nel ’93 con il fenomenale Screams of Anguish, troppo tardi per intercettare il picco di popolarità di un genere ormai in procinto di subire un drastico ridimensionamento commerciale a causa dell’esplosione del black metal norvegese. A tenere lontani i Brutality dalle copertine delle riviste fu inoltre uno stile allo stesso tempo troppo melodico, quando la gara era ancora a chi era più veloce e cattivo, e troppo peculiare per essere incasellato, forse più vicino alla scena britannica che a quella statunitense, in virtù del feeling desolato e delle atmosfere cupe e cimiteriali. Altri due album, l’ancora ottimo When the Sky Turns Black nel ’94  (c’era una cover, peraltro notevole, di Electric Funeral; ricordo che un recensore che da qualche parte scrisse che “il pezzo ricordava i Black Sabbath“) e il leggermente sotto tono In Mourning (oggetto di recente trattazione su Avere vent’anni) e arrivò lo scioglimento, seguito da un primo, fallimentare tentativo di riformarsi nei primi anni duemila.

Bocce ferme fino al 2013, quando, con tre quarti della line-up storica e un chitarrista recuperato dalla primissima formazione, viene pubblicato Ruins of Humans, un singolo autoprodotto di due tracce per il quale uscii abbastanza scemo, auspicando un nuovo full il prima possibile. Full che è uscito lo scorso gennaio. Essendo fondamentalmente un cialtrone, ho però ascoltato solo di recente Sea of Ignorance, prodotto da un’etichetta sfigatissima mai sentita prima, tale Ceremonial Records, che già qua ti viene voglia di ordinare tre copie a scatola chiusa. Il batterista originale, Jim Coker, nel frattempo se ne è andato. Però sono sempre loro, con quella scrittura complessa che privilegia il groove e la melodia, rifuggendo la brutalità fine a se stessa (a dispetto di un moniker che è obiettivamente tra i migliori del mondo), con quegli assoli lunghissimi e pulitissimi, quegli arpeggi e quegli svarioni gothic/doom anch’essi più albionici che floridiani, quelle deliziose reminescenze dei Death, quei riffoni apocalittici alla Bolt Thrower. Sea of Ignorance on sarà un capolavoro, quella dei Brutality non sarà la reunion del decennio ma, considerando quanto poco costoro abbiano raccolto in proporzione ai meriti, è eticamente obbligatorio per ogni deathster che si rispetti ascoltare Sea of Ignorance. Così come è obbligatorio ripercorrere l’intera discografia per coloro che non li avessero mai sentiti nominare prima di oggi. Per qualche bizzarro motivo, c’è una non indispensabile cover di Shores In Flames che copre undici dei trentanove minuti di durata. Che diamine, se non avevate abbastanza pezzi, potevate mettere quelli dell’ep. (Ciccio Russo)

4 commenti leave one →
  1. blackwolf permalink
    8 dicembre 2016 12:46

    Il recensore che dice che la cover di Electric Funeral, gli ricorda i Black Sabbath.. è un vero genio del male… forse, doveva fare le recensioni su top girl… Comunque, non conosco questi ragazzi.. ma non posso non dare una chance ad un album che si chiama “sea of ignorance”, fatto da una band che si chiama brutality.. :)

    Mi piace

  2. ignis permalink
    8 dicembre 2016 13:30

    Anche a me piacevano molto i Brutality. Li conobbi con la cassetta prodotta dalla Wild Rags, che ancora posseggo. Mi fermai però al primo album, che – ahimè – vendetti in un periodo di magra.

    Mi piace

  3. Cattivone permalink
    12 dicembre 2016 12:23

    Ho ascoltato la loro cover di Electric Funeral, e devo dire che concordo col recensore dell’epoca: anche a me quel pezzo ricorda un po’ i Black Sabbath :D .

    Mi piace

Trackbacks

  1. Blog Fire Death: le playlist 2016 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: