Skip to content

Pensieri sparsi di primavera

15 marzo 2013

saurom - vidaHo passato una serie di periodi un po’ del cazzo questi ultimi tempi. Nel 2012 soprattutto pare esserci stata un’ecatombe generale, perché è stato un periodo un po’ del cazzo per quasi tutti quelli che conosco. Insomma, non è carino. Uno fa finta di niente, però non è carino. Certo, fortunatamente noi rispetto alla gente normale stiamo avvantaggiati perché abbiamo i Sentenced, Transilvanian Hunger e in generale tutta quella musica tendenzialmente tristissima che ci ascoltiamo noi, però comunque non è carino. Poi è arrivata l’apocalisse Maya, che dicevano che invece delle meteoriti infuocate sarebbe stata una cosa più del tipo rinnovamento spirituale o che so io, e in effetti le cose stanno andando meglio. O no? Un pochino, dai. L’aveva predetto il mio caro amico Fabio, ora insigne leguleio dal cuore di metallo, colui che a sedici anni disse ai genitori che andava a casa di un suo amico per il weekend e invece si fece mille chilometri da solo per vedere i Dream Theater. E in onore a questa aria di nuovo mondo, sappiate che questo che state leggendo è il mio primo articolo da giornalista professionista. Voi direte “che culo”, ma in realtà non riesco a immaginare una cosa più nobile che scrivere il primo pezzo da professionista su Metal Skunk, a voi venticinque lettori che siete cresciuti insieme a me, e parlare del metallo, della primavera e delle vicende giovanili del mio amico Fabio, che è sempre quello che una volta da adolescente rischiò i guai perché un suo molto ubriaco amico iniziò a prendere a calci una volante gridando POLIZIA BASTARDA con i poliziotti dentro che lo guardavano allibiti. Per questo offro il mio imene professionale a lui e ai Saurom, mirabolante gruppo di alcolizzati spagnoli che celebrano la vita, il vino, l’amore e la primavera.

Vida è un disco della madonna e davvero non mi capacito di come abbia io fatto finora a vivere senza i Saurom, che peraltro esistono da quindici anni col nome Saurom Lamderth e hanno alle spalle tipo sette dischi e due ep. Suonano una specie di hard-aor folkeggiante, una via di mezzo tra gli Elvenking, i Journey e Laura Pausini; la prima volta che li ho sentiti ho detto a Ciccio “In un mondo perfetto, i Saurom sarebbero l’equivalente delle canzonette sanremesi che passano alla radio”. Peraltro permettono anche a noi lugubri adoratori del Demonio di godere delle calde sfumature di passione della lingua spagnola, fin qui associata a Ricky Martin, Julio Iglesias e a mi me gusta bailar el ritmo vuelta baila baila el ritmo vuelta. Da oggi invece anche noi, che sacrifichiamo vergini indossando magliette dei Dimension Zero, possiamo far palpitare i nostri cuori cantando si vivieran los recuerdos / de tu besos este invierno, eccetera.

il medioevo secondo i Saurom

il medioevo secondo i Saurom

Vida è una celebrazione totale di tutto ciò che di bello c’è a questo mondo, ed è fantastico che i Saurom siano entrati nelle nostre vite proprio ora che sta arrivando la primavera e tutto si colora. Per capirli davvero bisogna guardare il video di La Lejenda de Gambrinus, un delirio di archetipi idillici da scampagnata alcolica del sabato pomeriggio, che passi il tempo a chiederti in ogni città c’è un pub che si chiama Gambrinus, ma alla fine chi cazzo era sto Gambrinus e intanto davanti agli occhi ti passano quattro minuti di metallari alcolizzati vestiti tipo film boccaccesco italiano anni ’70 che si fanno versare mestoli di vino in bocca da procaci mujeres con le tette al vento. Ma non c’è un’attitudine goliardica come nel folk metal germanico e finnico, no: in qualche modo è tutto incredibilmente molto lieve, passionale, intimo, quasi che ci credessero davvero nelle velleità trobadoriche, pure quando nel video una buzzicotta con l’ombretto blu addenta un cocomero: di sicuro i Saurom avevano in mente il Boccaccio quando hanno pensato la scena della buzzicotta, attraverso cui è stato omaggiato il Poeta che scrisse

trent’anni, bella e fresca e ritondetta che pareva una mela casolana

e magari il Boccaccio la ritondetta trentenne non se la immaginava che azzannava un cocomero con gli occhi di un ippopotamo mutante carnivoro che sgozza un piccolo agnellino e ne beve il sangue ancora caldo (di cui gli ippopotami mutanti carnivori sono ghiotti), però i Saurom ce la mettono tutta e a volte riescono a creare suggestioni degne della più dolce lirica carnascialesca:

y si ella no se enamoró, no pienses en llorar
pues hoy, mustio gazón, de suerte tú estas, te enseñaré a disfrutar
bebe para olvidar, luego el corazón dejará de suspirar por amor

Disco della primavera 2013, e magari si arriva pure all’estate. Ringraziatemi perché vi ho fatto scoprire i Saurom. Voglio bene a tutti. (barg)

20 commenti leave one →
  1. 15 marzo 2013 11:35

    Auguri porca puttana. Vado subito a sentirmi i funambolici Saurom.

    Mi piace

  2. Luca Bonetta permalink
    15 marzo 2013 11:36

    In alto le pinte Robbè, le voglio anche io le mujeres con le tette al vento ma qua da me manca poco che ricominci a nevicare…

    Mi piace

  3. Nunzio Lamonaca permalink
    15 marzo 2013 11:53

    Con questo disco andrebbero risonorizzati i Racconti di Canterbury di Pasolini.
    Auguri, frate’.

    Mi piace

  4. 15 marzo 2013 11:58

    Thanks Satan it’s Friday, non vedo l’ora di andare a casa per godermi questi Saurom con una bottiglia di quello buono.

    Mi piace

  5. ignis permalink
    15 marzo 2013 13:43

    Felicitazioni!

    Mi piace

  6. sergente kabukiman permalink
    15 marzo 2013 18:19

    sapere che trainspotting è diventato “professionista” mi fa strano,ma chissene..auguri robè!!ora che abbiamo anche il tuo imene siamo tutti una bella famigliola, da chi stiamo al prossimo natale?

    Mi piace

  7. charlie permalink
    15 marzo 2013 19:06

    in qualitá di membro dei 25 lettori cresciuti insieme a te mi sento di dirti: anche io ti voglio bene!!!!! grande barg: la gente davvero non sa cosa si perde!

    Mi piace

  8. jay jay okocha permalink
    15 marzo 2013 19:40

    Tutte le felicitazioni del caso o sommo bargone,
    per quanto mi riguarda il tuo modo di parlare e scrivere di metal mi fa mantenere quella passione che è il vero motivo per il quale tutti amiamo questa musica, purtroppo con gli anni ce ne dimentichiamo diventando cinici e lamentosi, per cui grazie, perchè non ci fai arrendere agli anni che passano mantenendo sempre quella passione bambinesca che avevamo a 15 anni. noi tutti e 25 ti vogliamo bene, hail \m/

    Mi piace

  9. Snaghi permalink
    15 marzo 2013 21:11

    in bocca al lupo!

    Mi piace

  10. Orgio permalink
    16 marzo 2013 09:38

    Up the Irons for Barg! E vai di Saurom e Super Tennent’s (anche lo spagnolo continua a non centrare un cazzo col metal)

    Mi piace

  11. funambolo permalink
    17 marzo 2013 09:37

    vai Robè

    Mi piace

  12. Capitan Impallo permalink
    17 marzo 2013 15:42

    E i Mago de Oz?? Io quando penso allo spagnolo penso a loro, altro che baila a ritmo vuelta! :D

    Mi piace

  13. 18 marzo 2013 01:44

    Il trucco del “weekend da un amico” e’ scattato per i DT a roma, Nevermore a roma, springsteen a bologna e pearl jam a verona.
    Ancora auguri compa’!
    Romeo

    Mi piace

  14. Stefano Giusti permalink
    18 marzo 2013 09:32

    mah… sarà che io fino ad oggi ho sempre pensato alla connessione fra lingua spagnola e musica con in mente grandi hard rock ed heavy metal bands come Muro, Baron Rojo, Angeles Del Infierno, Rata Blanca, V8, Riff, Luzbel, Banzai, Panzer ecc… comunqe… de gustibus…

    Mi piace

    • Orgio permalink
      18 marzo 2013 10:39

      Grande Stefano, sapevo che TU non avresti dimenticato i V8 e il leggendario “Luchando Por El Metal”! Org(i)oglioso di essere tuo collega! :-)

      Mi piace

  15. VAGO permalink
    18 marzo 2013 11:40

    Che professionista!

    Mi piace

  16. rainmaker permalink
    22 marzo 2013 21:48

    nel 90 cominciai a leggere MS fino al 98,; poi lo abbandonai e non ricordo bene il perchè…dopo alcuni anni mi ritrovai a rileggerlo; la posta, l’angolo più godurioso degli ultimi anni e così ricominciai a ricomprarlo grazie a te…fino alla sua fine.
    Felice di averti ritrovato qui dopo tre anni di vuoto cosmico, spero di poterti reincontrare all’Agglutination di quest’anno insieme a tutti gli amici di questo blog. Auguri Roberto

    Mi piace

Trackbacks

  1. Affrontare il ponte del primo maggio coi nuovi video di SAUROM e FREEDOM CALL | Metal Skunk
  2. Playlist 2013: i dischi dell’anno secondo i tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  3. Doppio report: ROSS THE BOSS // DOOM OVER BRIXIA @Colony, Brescia | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: