Metallica in studio a maggio per progetto top secret

Ebbene sì’, sono uno di quei bastardi nemici del vero metal a cui Death Magnetic è piaciuto. E’ stato una paraculata per far contenti quei polli dei fan, certo. Proprio come le reunion dei Priest con Halford e dei Maiden con Dickinson o il “ritorno al thrash” dei Megadeth (per inciso è antropologicamente interessantissimo come trent’anni dopo Mustaine continui a rincorrere qualunque cosa facciano i four horsemen con risultati sempre e comunque inferiori; se volete anche un disastro senza precedenti come St. Anger è più interessante di un’insulsa cacatina di mosca come un The System Has Failed) o ancora i nuovi dischi di quelle centinaia di gruppi che per sopravvivere sono tornati a fare quello che suonavano a vent’anni. E’ che da ragazzini viviamo tutti la musica allo stesso modo, poi ogni ascoltatore invecchia a modo suo. Io da una parte sono tornato a vivere l’heavy metal come pura fonte di piacere auditivo, senza troppe pippe mentali, dall’altra sono diventato più cinico. Too old too cold. Se prima mi indignavo ora tendo più a prendere atto. E poi, dai, è davvero troppo facile pigliarsela con i Metallica. Sono delle rockstar, forse le uniche vere rockstar prodotte dalla nostra scena. E non lo sono diventati l’altro ieri, lo erano già quando la maggior parte di noi ha iniziato a seguirli. E le rockstar, da che mondo è mondo, pensano soprattutto a separarci dal nostro denaro per comprarsi la quarta villa a Beverly Hills o la decima Ferrari. E in fondo, come scrisse Kerrang!, perlomeno sono tornati a essere una band. Sono tornati a manifestare uno straccio di vitalità, il che potrebbe anche farci reagire con un minimo di curiosità alla notizia del loro ritorno in studio a maggio. Per incidere che? Segreto di stato. La rivelazione è arrivata da Kirk Hammett, che ha parlato a Rolling Stone di un non meglio precisato “progetto discografico” da “chiudere in due settimane”. Non si tratta del nuovo lavoro ufficiale, come aveva invece lasciato intendere Lars Ulrich in un paio di recenti interviste. “Non è al 100% un disco dei Metallica, è un progetto discografico, mettiamola così” ha detto il chitarrista. Un paio di inediti con del materiale dal vivo? E’ uscito da poco Live At Grimey’s, non avrebbe molto senso. Né una raccolta di cover giustificherebbe tutto ‘sto fare i misteriosi. O forse, chissà, come ha ipotizzato un lettore di Metal Insider, riregistreranno And Justice For All con il basso. (Ciccio Russo)

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...