Tag Archives: Kai Hansen

Avere vent’anni: GAMMA RAY – Power Plant

Trainspotting: Power Plant è il disco priestiano dei Gamma Ray. Sarebbe sbagliato, come spesso è stato fatto, accostarlo a Somewhere Out in Space e rubricarlo come un suo clone: a parte alcuni elementi peraltro abbastanza contingenti come l’estetica fantascientifico-egittologica (?) o l’apertura Anywhere in the Galaxy che funge scopertamente da trait-d’union con l’album precedente, Power Plant si pone su tutt’altro

Continua a leggere

Avere vent’anni: IRON SAVIOR – Unification

Se avete presente gli Iron Savior degli ultimi anni, e se certi dischi che hanno inciso vi sono piaciuti almeno in parte, è tutto merito di Unification, vero ed unico originale dal quale Piet Sielck ha tratto ispirazione, più o meno consapevolmente, per tutti i lavori successivi. Che poi uno stronzo qualsiasi che legge potrebbe pensare “Beh, ma alla fine

Continua a leggere

Il delirio d’onnipotenza del power metal: HELLOWEEN – PUMPKINS UNITED @Assago, 18.11.2017

Quello che è andato in scena al Forum di Assago è stato un evento di quelli che raramente accadono nel mondo del metal, in cui la stragrande maggioranza dei concerti si tiene su palchi minuscoli di locali da massimo 500 persone. Ho iniziato ad avere la percezione che stava per succedere qualcosa di grosso quando sui social ho letto di

Continua a leggere

Il singolo degli Helloween con Kiske e Hansen non è brutto ma mi fa incazzare

Oggi ho commesso ben due errori: entrambi riguardano gli Helloween, e l’ultima volta che li avevo messi su realizzai che anche con My-God Given Right non c’era proprio niente da fare. Il primo misfatto è stato andare a riguardare lo show al Wacken degli Amici di Kai Hansen, iniziativa diffusa anche in Italia – ma da Pavarotti – a partire dai primi anni ’90. C’è un momento

Continua a leggere

Avere vent’anni: ‘Somewhere Out in Space’ o la definizione stessa di power metal

Pur essendo sempre stato fanatico di certo power metal tetesco (avrei dato ogni goccia di sangue per Weikath e soci durante la mia adolescenza) ed avendo avuto Walls of Jericho e l’inumana performance vocale di Kai Hansen come quasi uniche certezze nella mia esistenza durante la seconda decade di vita, fui tra coloro che pensavano che il divorzio tra il

Continua a leggere
« Vecchi articoli