SPLATTERED ENTRAILS – Doctrine Of Redemption

Fino a pochissimo tempo fa ero completamente all’oscuro dell’esistenza degli Splattered Entrails. Anzi forse ne avevo pure sentito parlare ma, probabilmente nauseato dal moniker banalissimo che me li fece inconsciamente ficcare nel calderone del brutal death da due soldi, non me li cagai mai e poi mai. Questo fino a pochi giorni fa, quando mi capitò di mettere gli occhi sull’artwork di questo Doctrine Of Redemption, EP di cinque tracce fresco fresco di pubblicazione.

Andando a spulciare la passata discografia dei nostri ho avuto la conferma che la mia precedente discriminazione nei loro confronti era tutt’altro che infondata. Gli Splattered Entrails nascono nel 2004 a Levittown, salvo poi spostarsi a New York (saranno stati attratti dal fascino dei bagel) e dal 2006 in poi hanno prodotto un totale di sei full length più vari EP e split con cadenze a volte anche trimestrali; album che personalmente non ho mai ascoltato ma che a giudicare dalle copertine (roba che potrebbe finire tranquillamente in Fartwork) non promette nulla di buono a parte la solita minestra brutal death con drum machine e super-mega-guttural-pigsty-mecoioni. Arriviamo però al 2013 ed ecco che mi trovo ad ascoltare Doctrine Of Redemption. Beh, saranno stati i bagel, gli hot dog o la visita panoramica del ponte di Brooklyn, fatto sta che i ragazzi hanno iniziato ad ingranare come si deve: dalla precedente formula si è passati ad un death metal più inquadrato, atmosferico, a tratti si sfora anche nel black. Il comparto ritmico è affidato ad una drum machine programmata in modo ragionato, tale da non snaturare il resto dell’apparato musicale. Pur mantenendosi in ambiti moderni sono poi innegabili i richiami a Morbid Angel ed altri mostri sacri. Vero è che cinque tracce sono poche per poter giudicare a tutto tondo un lavoro, tuttavia mi sento di incoraggiare il nuovo percorso intrapreso, che è risultato più interessante con un EP di cinque tracce piuttosto che con un’intera discografia di dischi superflui. (Luca Bonetta)

Ah dimenticavo: l’EP è scaricabile aggratise dalla loro pagina Soundcloud.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...