Elementi di growling comparato

Sembra che tutti i nostri sogni bagnati di adolescenti si stiano realizzando quando è troppo tardi. O comunque quando non hanno più senso di esistere. Il –che io sappia- primo seminario di canto estremo italiano si terrà a Roma il 21 e il 22 maggio, e il docente di tale corso sarà Enrico Di Lorenzo, un chirurgo esperto in audiologia e foniatria che canta nei Barnum Freak Show e negli Hideous Divinity. Il corso avrà un taglio piuttosto medico, affrontando gli aspetti relativi alla fisiologia, l’estetica e la tutela della voce, e sarà rivolto quindi non solo a noi teste di metallo ma anche a medici, logopedisti, fisioterapisti et similia.

Il fatto un po’ triste è che quando certi aspetti artistici per definizione istintuali –come è il, uhm, canto estremo– diventano oggetto di disamina accademica, è come metterci su una pietra tombale. Niente da dire sull’iniziativa in sé, e sulla passione che sicuramente muove il suo autore. Ma una cosa del genere sarebbe stata impossibile nei primi anni ’90, quando il death e il black metal erano ai massimi storici. Ora non solo è possibile, ma basta aprire youtube per trovarsi di fronte ad una pletora di ragazzini coi capelli piastrati che ti spiegano come fare a cantare in growl. Ci sarà pure un motivo.

Di sicuro un chirurgo ha molta più rispettabilità rispetto a uno sfigato dalla dubbia sessualità e la maglietta dei Bring Me The Horizon, ma che il modo di cantare di David Vincent venga spiegato sotto un profilo medico a beneficio dei futuri cantanti death mi atterrisce forse ancora di più. I medici si occupano della morte, attuale o prossima ventura, e l’idea che un gruppo di essi si metta a vivisezionare la carcassa del metal estremo puzza proprio di morte. Peggio: ha lo stesso odore asettico del disinfettante per ospedali. È comunque un discorso che parte da lontano: se accetti l’esistenza della batteria triggerata, dei pro-tools e delle megaproduzioni della Nuclear Blast nel metal estremo, in qualche modo devi anche aspettarti che un giorno qualcuno in camice bianco faccia un corso su come modulare i muscoli faringei per cantare in growl. Il prossimo cosa sarà? Una compagnia teatrale che istruisce i futuri gruppi black metal su come riprodurre le movenze di Dead sul palco? Non mi sento di commentare oltre. Spero mi comprenderete. (Roberto ‘Trainspotting’ Bargone)

 

20 commenti

  • non so perché immagino Angela Gossow in fila per il seminario…ma tu guarda che cacchio di pagine che ci regala Wikipedia:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Voce_death

    "Mi piace"

    • Particolare, poi, è lo scream del cantante della symphonic black metal band inglese Cradle of Filth, Dani Filth. Il suo è uno scream definibile unico, in quanto vengono prodotte urla acutissime, le quali ricordano molto quelle dei bambini. Una leggenda metropolitana vuole, infatti, che Dani Filth abbia passato un anno in un asilo a studiare le voci dei bambini piccoli, riuscendo in seguito a produrre quel particolare scream.

      grazie, wikipedia.

      "Mi piace"

  • ahahah bell’articolo, vero i sogni si realizzano sempre troppo tardi

    "Mi piace"

  • corro a iscrivermi, l’emogrowl è la musica del futuro

    "Mi piace"

  • Con la maglietta dei Parway Drive AHAHAHAHAHA. Questi pagliacci mi fanno ridere.

    "Mi piace"

  • …il che conferma perfettamente quel che temevo potesse accadere. Quando ero ragazzino e ascoltavo death metal, nonostante rappresentasse un certo aiuto nel’esorcizzare i miei sogni bagnati di adolescente sessualmente frustrato, lo facevo essenzialmente per puro piacere della scoperta. Quando Chuck se ne uscì con “The sound of perseverance” smisi di chiedermi che genere fosse. Oggi succede il contrario: probabilmente hanno canonizzato anche una maniera death metal di stare a tavola, e questo non può che repellermi. Credere che il growling sia una cosa che si insegna è una cazzata astronomica e a dimostrarlo ci sono illustri urlatori sbracati con Chris Reifert e Matti Karki. La matrice Hc è andata una volta per tutte a farsi benedire.

    "Mi piace"

  • • L’idea è diventata istituzione, adesso fanno cartoline ricordo della notte del Diavolo.

    "Mi piace"

  • Enrico H. Di Lorenzo

    Salve ragazzi,
    sono Enrico H., il docente del corso in questione. Vorrei rassicurare quanti di voi fossero interessati che non si tratta di una medicalizzazione dell’estremo…al contrario, ho concentrato il mio lavoro sulla comprensione della ferinità dell’estremo al servizio dell’estremo…Non c’è spazio per tecnicismi sterili qui.
    Sapere è potere.

    Enrico H.

    "Mi piace"

    • ciao enrico, io ho preso spunto dalla notizia per fare un’osservazione cosmica, l’articolo non era rivolto a te nello specifico. rock on \m/

      "Mi piace"

      • Figurati l’avevo capito, volevo anzi darti manforte. Il mio non è sicuramente il primo lavoro del genere a riguardo (per ovvi motivi non faccio nomi ma è facile trovarne altri) diciamo che è il primo in cui si parla del Growl e dello Scream come intendiamo noi e nella maniera corretta, ovvero non Freaks in gabbia da osservarti nel loro strano comportamento (da medici o insegnanti di canto senza nessuna esperienza o dedizione) mapartendo dal basso. Insomma….sono un cantante estremo da molto prima di laurearmi ahahah

        Only Death is Real.
        H.

        "Mi piace"

  • uno che passava di lì

    E la situazione non potrà che peggiorare, la legge di Murphy è una costante universale…

    "Mi piace"

  • Masticatore di escrementi

    Secondo me è una figata pazzesca. Sto facendo tirocinio nei laboratori di un ospedale (futuro ricercatore precario sottopagato FUCK YEAH) e quindi spesso utilizzo EEG ad alta risoluzione per fare test su pazienti e roba simile così poi li analizzo su Matlab e troiate varie.
    Se riesco a convincere il boss a sprecare un pò di soldi e tempo per la ricerca ingegneristica voglio registrare le onde a un mio amico mentre ascolta a palla gli Anal Cunt.

    P.S. Bargone :***

    "Mi piace"

  • Pingback: Navigarella #5 « -bastonate-

  • Pingback: -bastonate-

  • Il masticatore è tornato. Lunga vita al masticatore.

    "Mi piace"

  • Pingback: Vocalizzi death metal « inkiostro

  • Pingback: In Norvegia il black metal diventa ufficialmente materia di studio per gli aspiranti diplomatici « Metal Shock

  • Non capisco le critiche alla cosa, per me abbastanza futili. Ci sono molti vocalist che si sono fottuti la voce (senza contare altri rischi legati alla salute), e negli USA molti cantanti di grido vanno a lezione di growl/scream da Melissa Cross (compresa Angela Gossow) per sfruttare meglio un modo di cantare che intrinsecamente danneggia l’apparato fonatorio e che per molti può pregiudicare un tour di 100 date all’anno.
    Tolto che fisiologicamente nessuno è uguale, i piu’ “delicati” così hanno la possibilità di non soccombere ad uno stile decisamente impegnativo.

    "Mi piace"

  • Pingback: blog di donne belle #7 « Metal Skunk

  • Pingback: blog di donne belle #8 « Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...