Skip to content

MANOWAR @Torwar Hall, Varsavia 16.01.2016

21 gennaio 2016
io e charles reggiamo la bandiera italiana cantando canzoni di vero metal

sulla destra io e charles che reggiamo alto lo stendardo di MS cantando canzoni di vero metal

L’abbiamo fatto ancora. Per il secondo gennaio di fila, i vostri affezionatissimi sono tornati in trasferta per i Manowar. Stavolta con me non ci sono solo i fedeli Ciccio e Charles e il fantasma del Messicano (nuovamente defezionario all’ultimo momento): pure Piero Tola è dei nostri, dato che abita da anni a Cracovia; il che è uno dei motivi per cui abbiamo scelto proprio la Polonia. Dall’altr’anno sono cambiate parecchie cose – tipo: Charles è diventato papà – ma la capoccia sempre quella rimane. Rispetto alle zingarate che facevamo a vent’anni è cambiata più che altro la forma: stavolta, per dirne una, abbiamo preso un quadrilocale in pieno centro con tanto di salotto, cucina e megaschermo, tutto però rigorosamente al prezzo di una bettola random vicino alla stazione Termini con gli eroinomani che giocano a freccette nella hall con le siringhe usate. L’importante è non scadere mai nel fighettume, per il resto se a una certa età ti ostini ad andare in tenda nella neve e dormire sul pavimento della stazione o sei una specie di Bear Grylls cresciuto in Cimmeria oppure finisce che prima di rifare una zingarata del genere ci ripensi tremila volte, che sono 2999 volte più del dovuto. Siccome noi gradiremmo continuare a fare ste cazzate finché ci reggiamo in piedi, cerchiamo di reggerci in piedi il più a lungo possibile.

Anche perché fa veramente freddo. In realtà pensavo addirittura peggio, perché una settimana prima Piero aveva mandato una foto di una bottiglietta d’acqua completamente congelata scrivendo “l’avevo dimenticata un giorno in macchina”. In quel momento c’erano -23 gradi, però quando arriviamo noi è tutto molto meno estremo.

ditemi se non vi sareste messi paura pure voi

ditemi se non vi sareste messi paura pure voi

Io e Ciccio prendiamo possesso dell’appartamento nel primo pomeriggio di venerdì. Charles arriva il giorno dopo, e dobbiamo aspettare Piero, bloccato nel traffico infernale della Cracovia-Varsavia. Nel frattempo decidiamo di provare la vodka locale, che ci era stata così tanto magnificata, giusto per assaggiarla e rilassarci finché non arriva Piero, sai, un bicchierino, lui non si offenderà. Finisce con me e Ciccio addormentati sui divani con la bottiglia vuota in mezzo e Piero che arriva alle otto di sera telefonando a raffica per farsi aprire. Alla millesima telefonata Ciccio si sveglia di soprassalto e in qualche modo – non ho visto quindi non saprei ricostruire la dinamica – passa direttamente dalla posizione riverso sul divano alla posizione steso per terra abbracciato alla piantina. Arriva Piero, ci denigra le birre che abbiamo preso (a lui piacciono le birre artigianali, a noi quelle industriali del supermercato) e usciamo a mangiare qualcosa. 

Voi non conoscete Ciccio. Cioè, ormai è come se lo conosceste, ma certi lati di lui vi sono ovviamente oscuri. Dovete sapere che in certi frangenti è una macchina da guerra. Riesce a mantenere una posizione eretta anche quando sarebbe fisicamente impossibile, mantenendo sempre un atteggiamento che, a un primissimo impatto, sembrerebbe da persona seria e posata. Invece è ubriaco come una pigna e continua a bere ripetendo: “Io non sono ubriaco”, e quindi il nostro timore è che scivoli sul marciapiede ghiacciato cadendo di faccia per terra, o che urti contro un kurwa boy (gli energumeni locali, perennemente ubriachi e violentissimi, solitamente ultras di giorno e buttafuori di notte) facendosi pestare a sangue. Invece riesce a sopravvivere anche questa volta, e come al solito mantiene quell’espressione impostata come se pretendesse di essere preso sul serio anche se è più sbronzo di un finlandese incastrato a testa in giù in una botte di kvass. Per esempio quella sera ha posto a Piero la stessa identica domanda per almeno una dozzina di volte (“Dove alloggi? Ah, e perché non sei venuto a stare con noi visto che il Messicano non c’è?”), sempre con l’espressione serissima e compunta; un plauso alla pazienza olimpica di quell’altro che ogni volta gli ha risposto seriamente senza mai ficcargli una bottiglia di birra artigianale in qualche orifizio corporeo a caso. Il povero Ciccio non ha però avuto la stessa fortuna quando ha chiesto due volte nel giro di pochi minuti alle stesse due tipe se poteva prendersi una sedia. Non ho visto loro come hanno reagito la seconda volta ma ho visto Ciccio che faceva un salto indietro con la faccia intimorita. Quando poi ha trovato uno sgabello libero ho temuto che scattasse finalmente la rissa perché ha urtato violentemente mezzo pub ondeggiando con il faccione tutto contento che aveva trovato lo sgabello.

Però alla fine non è mai morto né ha perso eccessivamente la dignità. Il metallo scorre forte in lui. Quando torniamo all’appartamento però prima cade dalle scale e poi si addormenta subito, e io e il Tola rimaniamo in salotto con una vodka alle arachidi. Dopo un po’ avevo questa canzoncina fissa in testa che non se ne andava neanche al trentesimo gruppo speed tedesco di sottofondo.

Il giorno dopo mi sveglio con calma e scopro che Piero ha dormito sul divano e Ciccio ha reso il bagno una succursale di R’lyeh. Nel primo pomeriggio arriva Charles, che è agguerritissimo. Da settimane si informava delle varie tipologie di alcolici polacchi, ed è arrivato con la stessa cazzimma di un diciannovenne in vacanza a Ibiza.  Io invece ero quello più placido di tutti, avevo avvisato di non essere tutto ‘sto bevitore e tenevo un profilo molto basso. Tenete a mente queste nozioni per il racconto della sera successiva.

Insomma a un certo punto è ora di andare al concerto. Ci accodiamo a una fila lunghissima a serpentone che tutti rispettano religiosamente. C’è neve ovunque e chiaramente mi viene in mente il testo di Army of Immortals. Siamo tutti un po’ su di giri e io agito la bandiera italiana griffata Metal Skunk dicendo le mie solite cazzate. La fila è lentissima e ci fa perdere i primi quattro pezzi: entriamo che stanno già suonando Hail and Kill, mi pare. Ci mettiamo il più sotto possibile, anche se non quanto vorremmo; del resto l’anno scorso siamo stati aiutati dalla puzza nauseabonda dell’inchiostro di china di cui la bandiera era inzuppata, invece adesso l’inchiostro si è asciugato e la bandiera non funge più da repellente per metallari. I Manowar fanno il solito concerto che gli vedo fare da quindici anni: professionale, lungo più di due ore, tutto basato sul fomento e (novità degli ultimi tempi) senza quegli interminabili assoli e con un discorso di Joey DeMaio più corto del solito. Come detto, i tempi sono cambiati e ora se invitasse le ragazze a uscire le tette sarebbe subito denunciato dalle femministe. Comunque stavolta ha detto che la Polonia spacca, che i polacchi sono veri guerrieri del metallo e cose così. Non suonano più Battle Hymn alla fine, ma ormai mi sto abituando alla chiusura con Black Wind, Fire & Steel. Il suono è ok, forse un po’ pastoso rispetto all’anno scorso, ma c’è da dire che il palazzetto di Basilea era veramente una cosa spaziale. Ne suonano quattro da Warriors of the World: l’opener, la titletrack, Hand of Doom e House of Death. Fomento puro. Di pezzi vecchi, purtroppo, molto pochi.

Finisce tutto molto presto e andiamo a mangiare due hamburger a testa, perché è la carne arrosto l’alimento del vero manowar. Ma è l’ultima sera, Piero lo rivedremo chissà quando e fuori fa un freddo nivale; dunque passiamo a fare il carico di birra e vodka locali per poi tornare in appartamento, far from the madding crowd. Piero si è buttato sulla birra più pregiata, mentre noialtri tre abbiamo preso quella che lui ci ha denigrato dicendo “questa è la birra dei barboni polacchi”.

la birra dei barboni polacchi

la birra dei barboni polacchi

Il tempo di due cazzate e Charles è già steso sul divano, morto. Per svegliarlo lo importuniamo nei modi più socialmente sconvenienti che le notti in pullman delle gite liceali ci hanno insegnato, ma lui niente, è morto sul serio. Ciccio ha un singhiozzo fastidiosissimo che si porta dietro dalla sera prima, e io per terrorizzarlo gli dico una cosa che dico sempre alla gente col singhiozzo per terrorizzarla, e cioè che una volta ho letto un articolo di uno che dopo una serata in pizzeria ha avuto il singhiozzo per quarant’anni. Fatto vero, peraltro. Insomma alla fine rimaniamo solo io, Piero, una quantità di alcolici per quattro persone e l’ampli della JBL, sempre sia lodato. E chissà quando ci si rivede col Tola, mica posso andare a letto come quegli altri due genderfluid laggiù, né è ipotizzabile che lasciamo tutto quel ben di Dio ai polacchi dell’albergo. Quindi rimaniamo a parlare di metallo antico e a finire tutto, perché non si butta via niente e i bambini africani non hanno neanche l’acqua potabile, figuriamoci la vodka alle noccioline. Alle quattro ci raggiunge pure Ciccio e pian piano la discussione inizia a regredire al punto che verso l’alba stavamo discutendo se fossero meglio i Megadeth o i Metallica, argomento di cui almeno personalmente non dibattevo da almeno quindici anni.

Si fanno le sei di una fredda mattina polacca e Another Perfect Day dei Tankard diffonde il suo tupatupa per l’aere. Charles si è trasferito sfacciatamente a letto da ore, Ciccio è lì col suo sorriso sbarazzino da fattone e Piero Tola va ancora come un treno. Io mi stendo per terra perché per qualche motivo mi sembra più comodo. Ma continuo a parlare, eh, è solo che qui sto più comodo. Poi BUM e mi risveglio nel letto con Ciccio che bussa alla porta e mi dice di svegliarmi cazzo è tardi è tardi è tardi. Hangover in polacco si dice kac, pronunciato catz. Sarà un ritorno a casa complicato. Però penso: d’accordo che ora dormiamo in comodi letti e deiettiamo in comodi cessi invece che morire di freddo e cacare nel fosso dietro alla tenda, però io di gente che spacca quanto spacchiamo noi non è che ne conosco molta. Qualcuno c’è, tipo Massi, il batterista dei Kurnalcool, da cui c’è sempre qualcosa da imparare. Però non è molta. CAZZO DURO CUORE PURO: è questo il segreto dell’acciaio. Hail and kill.

hail and kill.

hail and kill.

28 commenti leave one →
  1. 21 gennaio 2016 12:06

    Eroi veri.

    Mi piace

  2. weareblind permalink
    21 gennaio 2016 12:55

    Signori, voi entrate che già suonavano. Siete dall’altra parte del mondo e suonavano già. E pure Hail and Kill a mezzo. Qui non posso esprimermi compiutamente.

    Mi piace

  3. Leocrate Tapioca permalink
    21 gennaio 2016 14:20

    Paladini del vero acciaio di metallo, onore a voi.

    Mi piace

  4. cattivone permalink
    21 gennaio 2016 14:47

    Grandi, e grande report.
    Peró davvero, mi associo a weareblind qua sopra, un conto é quando uscite da lavoro e fate tardi, se andate in trasferta per un concerto cazzo cercate di essere giá dentro quando iniziano a suonare!

    Mi piace

    • 21 gennaio 2016 17:22

      Eravamo in perfetto orario, giusto non immaginavamo di doverci muovere in fila indiana col biglietto già acquistato. Poi, a quanto ci ha spiegato Piero, in Polonia c’è il culto della fila in memoria dei tempi sovietici; la prossima volta andremo preparati.

      Mi piace

      • weareblind permalink
        21 gennaio 2016 18:35

        No, scusate, no. Mi cospargo il capo di cenere, ho scritto velocemente dallo smartphone. E’ UNA FOTTUTA CRITICA AI MANOWAR. A loro mi riferivo. Piuttosto che criticare i redattori fratelli di MS mi taglio la palla sinistra, che la uso meno. E poi “so più sverto a fa’r bidè” (cit.). I Manowar CAZZO, la fatellanza, i pipponi, ma vaffanculo, la gente NON E’ DENTRO CHE CAZZO SUONI, ASPETTA. Ciccio frustami quando mi vedi.

        Liked by 1 persona

    • Piero Tola permalink
      21 gennaio 2016 17:50

      intervengo anche io per dire che il margine con cui siamo arrivati e’ normalmente piu’ che sufficente ad un concerto qua in Polonia. Sono frequentatore assiduo e conoscevo anche l’arena di cui si parla qua. Purtroppo pero’, quel giorno, il promoter Prestige (‘tacci loro!) ha fatto un casino con i controlli ai tornelli facendo defluire la fila lentissimamente. Come noi altre centinaia di persone inviperite si son trovate ad entrare 20 minuti dopo (alcuni anche piu’ tardi). E’ una cosa che normalmente non capita e infatti sulla pagina ufficiale del promoter ne ho lette di ogni il giorno dopo. L’arena si quindi riempita lentamente e i Manowar avevano gia’ cominciato perche’ l’inizio era previsto alle 20.30 spaccate

      Mi piace

      • weareblind permalink
        21 gennaio 2016 18:35

        Perdona Piero, ho scritto sotto Ciccio.

        Mi piace

      • Charles permalink
        21 gennaio 2016 19:07

        e poi non ti conviene far incazzare uno che riesce a bere tutta la notte e il giorno dopo è fresco come una rosa (mi riferisco al Tola, ovviamente)

        Mi piace

      • cattivone permalink
        22 gennaio 2016 10:13

        Grazie della precisazione ragazzi. La parte dell’ingresso nel report é trattata in modo rapido e pacato (per dare piú spazio alle altre meraviglie che avete visto presumo) e non riuscivo a capacitarmi della cosa.
        Comunque invidia.

        Mi piace

  5. pedro permalink
    21 gennaio 2016 15:51

    ma davvero in Polonia il tifoso si chiama kurwa boy? se qui in Russia “kurwa” significa “zoccola”, non è proprio un modo indicato e sicuro per chiamare un ultrà…

    Mi piace

    • 21 gennaio 2016 16:03

      kurwa è un’esclamazione tipo ‘fuck’ ed è la parola che questi soggetti usano più spesso.

      Mi piace

    • weareblind permalink
      21 gennaio 2016 18:36

      Sicuro? Significa “zoccola”?

      Mi piace

      • Piero Tola permalink
        21 gennaio 2016 20:12

        confermo: “zoccola” ma anche l’esclamazione di cui sopra

        Mi piace

      • weareblind permalink
        21 gennaio 2016 22:22

        Inna, ragazza ucraina, conferma.

        Mi piace

      • cattivone permalink
        22 gennaio 2016 09:48

        Tak, Kurwa tak (quante cose si imparano grazie ai Semargl).

        Mi piace

  6. sergente kabukiman permalink
    22 gennaio 2016 14:10

    leggendo queste cose mi sento sempre molto sfigato dato che le grandi trasferte che riesco a farmi capitano ogni morte di papa in locali come il sinister noise e il traffic(dove in un paio di occasioni ho beccato anche qualche scribacchino tipo ciccio, charles o il masticatore)

    Mi piace

  7. zac permalink
    23 gennaio 2016 22:20

    regazzì, vi voglio bene

    Mi piace

  8. IlCimi permalink
    24 gennaio 2016 12:59

    Ciao amici di Metal Skunk, vi seguo da una vita, ancora dai tempi della rivista, e sono stato un grande fan dei Manowar come parecchi di voi.
    I Manowar sono stati i miei eroi parecchi anni fa ai tempi delle superiori e oltre e le loro canzoni erano per me un’ispirazione, una forza per superare tutti gli ostacoli che troviamo nella vita e per essere sempre fieri di noi stessi.

    Tutto questo, unito alla loro immagine di veri metallari, ha tenuto fino a circa il 2010 quando è uscito e poi morto Scott, quando abbiamo scoperto la balla che non era uscito nel 92 perchè il figlio era ammalato, abbiamo inoltre visto come sfruttano i fan fino all’osso con le nuove registrazioni dei classici che fanno cacare, abbiamo visto che loro che amavano tanto l’Italia ci hanno voltato le spalle con mille scuse verso mercati più redditizi. Nonostante questo si spacciano ancora per i migliori, quelli veri, che poi alla fine sono peggiori pure del resto.

    L’unico vero di loro per me resta Ross The Boss che è stato estromesso da DeMaio e non è mai stato d’accordo con le sue cazzate True Metal, una persona che suona prima di tutto per passione e che ho avuto l’onore di incontrare l’estate scorsa in una bettola vicino casa coi Dictators.

    Tutto questo per chiedervi: ma non vi sentite presi per il culo da DeMaio & C.? Cosa vi spinge ad andare a vedere in Polonia sta gente che vi ha preso per il culo, che non sono niente di quello che dicono di essere?

    I Manowar sono stati speciali per me come per voi, specie per Roberto, e proprio per questo sono schifato nel constatare cosa sono ora e penso non li vedrò mai live, mi chiedo però come fate ad idolatrarli ancora dopo che il giocattolo si è rotto.

    Mi piace

    • 24 gennaio 2016 16:17

      Perché ormai siamo abbastanza vecchi e cinici da goderci giusto il lato del divertimento e del rituale senza riflettere troppo sui punti che evidenzi tu e che sono verissimi.

      Mi piace

      • Il_Cimi permalink
        25 gennaio 2016 07:48

        Capisco, peccato facciano poche canzoni belle ai concerti, almeno quello..

        Mi piace

  9. Vanni Fucci permalink
    25 gennaio 2016 11:06

    Amo questo gruppo, specialmente i primi quattro album, ma quando cancelli delle date negli USA per lavorare su un presunto nuovo album promettendo di riparare alla cosa l’anno successivo, e invece fai un “Gods and Kings tour” nei soliti 5-6 paesi per celebrare KOM e GOW (nel quale poi l’album da cui prendi più canzoni è Warriors of the World), tutto questo fottendotene allegramente della gente che aveva preso il biglietto per le date cancellate, beh…

    Mi piace

Trackbacks

  1. La finestra sul porcile: Buongiorno Papà | Metal Skunk
  2. Storia di due Italie: L’Immorale (1967) | Metal Skunk
  3. Metallo tetesco: GRAVE DIGGER@Traffic, Roma, 28.01.2016 | Metal Skunk
  4. Now we are home: MANOWAR @Tempodrom, Berlino 27.01.2016 | Metal Skunk
  5. Avere vent’anni: MANOWAR – Louder Than Hell | Metal Skunk
  6. Blog Fire Death: le playlist 2016 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: