e poi dicono che il servizio pubblico

I Keep of Kalessin hanno partecipato ieri al Melodi Grand Prix, una trasmissione norvegese annuale in cui il vincitore andrà a rappresentare la terra dei fiordi all’Eurovision. La band ha fatto una specie di duetto con Alexander Rybak, uno dei concorrenti del concorso, sulla canzone The Divine Land. Insomma, i Keep of Kalessin in diretta nazionale in una specie di Sanremo norvegese. Se il nostro parlamento fosse pieno di metallari questa sarebbe una delle motivazioni per la mozione di sfiducia a Bondi.

16 commenti

  • In Italia non succederà mai. Ci sono ugole devastanti come Fabio Lione e Germano dei Centurion che non hanno nulla da invidiare a un Albano, ma il fatto è che chi conta(va) nei media mainstream odia il rock e affini. Ci sono cantanti che scimmiottano il rap, il soul e tanti altri generi estranei al bagaglio culturale di un italiano, e nessuno dice nulla, mentre appena uno appesantisce un pò le chitarre viene subito ammonito che il rock/metal non fa parte della tradizione musicale italiana.

    "Mi piace"

  • Ma chi se ne importa dei Media Mainstream?

    Voglio dire, i giovani hanno la rete, i blogs e METAL SHOCK!

    In Italia abbiamo un mare di correnti Underground vive e vegete, vuoi darle in pasto alla rai? Ma sei matto?! Così le ucciderai tutte senza che abbiano nemmeno il tempo di pensare di fare qualcosa di buono!

    Pensa invece a far scoprire Metal Shock a chi non ha potuto leggerlo su carta!

    Per quanto riguarda il parlamento pieno di metallari… io voterei indubbiamente Aldo: se ha saputo gestire Metal Shock sarà pur in grado di tenere testa a gruppi di ottantenni cerebrolesi, basta leggersi un suo editoriale a caso per capirlo! Cazzo, è pur sempre un metallaro! Un rutto ben assestato, un pò di heavy metal e entrate a sorpresa su una moto rombante e quelli ci schiattano d’infarto… o almeno per l’odore quando si cava gli anfibi e si svacca sulla SUA poltrona! Pensate a quanto, in poche settimane, potrebbe migliorare la situazione! O a quanto potrebbe degenerare in modo assurdo (ma tuttavia apprezzabile tenendo conto del comportamento dei politici attuali)! Pensate in grande: IN ITALIA IL PRIMO PRESIDENTE METALLARO AL MONDO! Bwha-ha-ha-ha (risata sinistra e malefica)!

    "Mi piace"

    • in realtà mi pare che il vecchio premier giapponese fosse metallaro, magari l’informatissimo ciccio saprà dare maggiori ragguagli in merito

      "Mi piace"

      • Confermo. L’ex premier nipponico Junichiro Koizumi è un appassionato di hard rock, tanto da aver voluto “Forever Love” degli X Japan, il suo gruppo preferito, come colonna sonora dei propri spot elettorali. Non va trascurato poi l’amore del presidente russo Dmitry Medvedev per Scorpions, Deep Purple e Led Zeppelin. Ovviamente noi tutti sosteniamo la candidatura di Aldo Mancusi alla presidenza del Consiglio. Yes we can.

        "Mi piace"

      • Mi viene in mente il caso della Slovenia (il paese del Metalcamp), che ha come capo dell’ufficio governativo sulla religione questo tizio qui, ateo tra l’altro, che va in parlamento con le magliette dei Laibach.

        "Mi piace"

    • X Billy
      Non la vedo in modo così apocalittico. Dici che riconoscere certe realtà musicali anche a livello “ufficiale” possa procurare danni alla (presunta?) genuinità della scena? Se guardo agli esempi di cui ha parlato anche Metal Shock, mi sembra che succeda l’esatto contrario.

      "Mi piace"

      • Questo è quello che succederebbe ALTROVE ma non certo qui.

        Voglio dire, i punx ad esempio sono finiti nei media mainstream, però non mi pare che la parentesi punk all’italiana sia paragonabile al successo del punk all’estero.
        Da una parte se avessero provato a “vendersi” un pò di più forse si sarebbe mosso qualcosa molto prima (ed oggi farebbero parte del “bagaglio culturale italiano”) ma loro non hanno neanche tentato di svendersi e la visibilità che hanno avuto è stata la mannaia sulla scena.

        Un pò come sta succedendo ai gruppi emo: la scena è quasi al suo termine e mai ho sentito parlare della musica emo in tv. Degli atteggiamenti maniaco-depressivi-autolesioniti sì, del look e della bisessualità sì, ma della musica… zero! E questo indipendentemente dal fatto che ti possa piacere o farti cagare.

        In altri paesi magari gli emo rimarranno come sotto cultura, come tutte le altre “mode” in fondo, e magari si evolverà a modo suo e fra 14 e passa anni dei ragazzini creranno una loro corrente basata su quello stile. Ma qui in Italia diventeranno le solite noiose macchiette insieme ai vari punkabbestia visti come un branco di puzzoni e anarchici, e ai metallari visti come un’elìte di alcolisti snob.

        A meno che i ragazzi, nell’underground, non si rompano davvero le palle di tutte queste stronzate; il cui vero problema è che, invece di tentare di sfatarle, i ragazzini le prendono come verità assolute e insistono su quei comportamenti, dimostrando solo di essere un insieme di polli che fanno esattamente il contrario di quello che gli viene detto senza pensare ad altre alternative! Altro che pensare con la propia testa, questi sono manipolabilissimi!!!

        Io ho una mia teoria sul “ricambio generazionale” all’interno della musica. Ogni 7 anni circa, da quando cioè nel 1956 è esplosa la mania del Rock n’Roll, ci sono anni di rottura o comunque di cambiamenti forti delle correnti musicali e nell’84 è esploso il metal. Secondo me l’anno prossimo nelle grandi città USA o in Inghilterra (dove quindi girano molte idee, opinioni e stili) potrebbero anche esplodere gruppi tendenti al metal o all’hard rock; e bisogna farsene una ragione che ci assomiglino soltanto: gli Iron Maiden & company hanno avuto il loro momento ormai quasi 30 anni fa e il metal come allora non tornerà più, salvo rare eccezioni. Penso anche che in questi ultimi anni ci sono stati elogi da ogni parte al punk e ai Ramones che hanno spinto molti gruppi verso stili più punk, i prossimi sono i gruppi metal… e non sarà certo un bello spettacolo veder parlare del metal come un reperto storico, un vecchio cimelio ammuffito da sfoggiare con eleganza ai party di classe, ma questo è quello che sta per succedere.

        La vera domanda è: riusciranno i ventenni italiani a fare parte della nuova scena o, come al solito, ci arriveranno con anni di ritardo e comunque venendo IMMEDIATAMENTE trasformati in stupidi stereotipi dai media mainstream? Qui non è una questione di visibilità, è una questione di equilibrio tra l’essere parte di una moda più o meno riesumata e essere parte di un nuovo anello nella catena del rock, lo stile di vita, quella cosa che teoricamente ti apre la mente e una nuova strada quando pensi di non avere più opzioni all’orizzonte.

        Io da parte mia voglio solo farne parte suonando duro ma senza diventare completamente omologabile.

        Let’s Rock!

        Billy Blue

        P.S.
        Come al solito ci sono paesi più intelligenti che votano per persone di mezz’età con passioni normali come la musica (anche rock o metal) e poi c’è l’Italia… dove le passioni più grandi dei politici (ottantenni!!!) pare siano cocaina e minorenni… non ho parole, quella è roba da gangster e mafiosi! E la cosa più assurda è che alla gente tutto ciò SEMBRA ASSOLUTAMENTE NORMALE!!!

        ALDO MANCUSI for President!!!

        "Mi piace"

  • Io continuo a sostenere la tesi di essere nato nel luogo sbagliato e nell’anno sbagliato.
    Vorrei aver avuto 18 anni nel ’91, invece proprio quell’anno mi è toccato nascere.
    Detto ciò ALDO MANCUSI for President.
    With Aldo you can!

    "Mi piace"

  • mancusi cambierà il mondo!!!

    "Mi piace"

  • sergente kabukiman

    mancusi presidente e socci senatore a vita

    "Mi piace"

  • Anche un sindaco bulgaro (se non erro) ha fatto erigere una statua a qualche divinita del metallo

    "Mi piace"

  • In tema di politici metallari, ci sta anche il ministro delle finanze svedese Anders Borg (che mi capitò pure di incrociare per lavoro ma purtroppo non riuscii a chiedergli se gli piacevano gli At The Gates) dal look alquanto sospetto:

    Poi vabbè, sulla Bulgaria ci abbiamo costruito un filone

    "Mi piace"

  • Ma quest’uomo è un maledetto genio XD

    "Mi piace"

  • Seguo il blog personale del Mancusi, non con chissà quale frequenza. Considerando che ama veramente la politica non la vedo così assurda una sua candidatura. Magari tutti i metallari italiani si possono unire per dare voce al grande capo ;-)
    Ovviamente mi associo allo slogan, with Aldo you can!

    "Mi piace"

  • Pingback: BONECRUSHER FEST @Blackout, Roma – 4.03.2011 « Metal Shock

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...