Skip to content

R.I.P. Jim Marshall (1923-2012)

5 aprile 2012

Il ‘Governatore’ è morto oggi a Londra a 88 anni. A darne notizia l’azienda che aveva fondato nel 1962. Aveva iniziato due anni prima vendendo strumenti, percussioni soprattutto (era pur sempre nato come batterista). Ma a furia di ascoltare lamentele sui limiti tecnici dell’amplificazione dell’epoca da habitué del suo negozio come Pete Townshend e Ritchie Blackmore gli venne una buona idea. Aprì un laboratorio, reclutò un altro ingegnere e iniziò a sperimentare. I primi cinque tentativi non lo soddisfecero ma nulla può fermare un uomo convinto di avere una buona idea. Quando decise di mettere in vendita il sesto prototipo ricevette 23 ordinazioni solo il primo giorno, due delle quali da parte di Clapton e Hendrix.

Mezzo secolo dopo, per chiunque abbia a cuore la musica con le chitarre distorte, poche icone hanno lo stesso potere evocativo di quel logo. Per molti di noi sarà impossibile enumerare tutti i momenti della nostra vita che hanno avuto come testimone un amplificatore Marshall. Una serata in sala prove con gli amici del liceo, quando una piccola parte di voi era convinta che, perché no, i nuovi Megadeth avreste pure potuto essere voi. Ore in un negozio a provare strumenti che non vi sareste potuti mai permettere. E buona parte dei concerti che avrete visto nella vostra esistenza, con l’affollatissimo insieme di ricordi più o meno vividi a essi legati. La band della vostra vita che inaspettatamente suona quella canzone che non è più in scaletta da dieci anni ma resta la vostra preferita. Un bacio rubato a una sconosciuta della quale il giorno dopo non riuscirete a ricostruire bene il volto. Un coma etilico sul prato durante il quale vi sentite lo stesso le persone più felici del mondo. Tutti momenti in cui c’era un Marshall a guardarvi e a lanciarvi dall’alto la tutt’altro che silenziosa benedizione degli dei del rock.

7 commenti leave one →
  1. jay jay permalink
    5 aprile 2012 21:00

    commovente…

    Mi piace

  2. passoaprendertistasera permalink
    6 aprile 2012 00:42

    che dire?….hai lasciato una bella impronta Jim

    Mi piace

  3. Piero Tola permalink
    6 aprile 2012 01:33

    w Peavey e Fender :))))

    Mi piace

  4. 6 aprile 2012 13:41

    All men play on 10. Grazie a lui.

    Mi piace

  5. sergente kabukiman permalink
    6 aprile 2012 13:57

    quest’uomo ha cambiato la storia della musica tutta.quando me lo potrò permettere farò subito mio un marshall valvolare

    Mi piace

  6. Kuorenero permalink
    7 aprile 2012 09:46

    Ne ho 3 a casa, un 12W portatile piccolino e incazzato, un 25W e la mitica JCM2000 con due bei cassoni (i miei ragazzi).
    Spettacolo, grazie di cuore

    Mi piace

Trackbacks

  1. Roadburn Festival 2012 – 12/13/14 aprile, Tilburg – Olanda « Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 303 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: