Vai al contenuto

Il senso dei SONATA ARCTICA per il buon gusto

8 ottobre 2019

Avevo parlato l’altro giorno di Ecliptica per quello che è, ossia un disco meraviglioso e perfetto che dopo vent’anni ancora ti ritrovi a cantare a memoria dall’inizio alla fine. E poi avevo detto che i Sonata Arctica erano nel frattempo diventati uno dei gruppi peggiori della Terra, cercando di rimandare a qualche articolo in cui esprimessi bene il concetto; purtroppo però c’era solo la recensione di Stones Grow Her Name, e lì purtroppo ci ero andato fin troppo leggero. Dunque ecco a cosa serve questo articolo: la prossima volta che dovrò linkare qualcosa per spiegare che razza di cumulo di guano siano diventati i Sonata Arctica, rimanderò a questo. Utile, no?

Che poi potrei fare ancora meglio e scrivere direttamente un pezzo sul rifacimento del suddetto Ecliptica, rifacimento uscito cinque anni fa e la cui sola esistenza in un mondo perfetto dovrebbe portare all’immediata esecuzione fisica dei musicisti tramite squartamento con cavalli. Chissà che un giorno non lo farò davvero (dico la recensione, purtroppo non lo squartamento con cavalli); intanto però cerchiamo di rimediare parlando di questo Talviyö, ennesimo atto terroristico nei confronti del buon gusto compiuto da Tony Kakko, ormai totalmente incapace di scrivere una singola melodia che non faccia venire voglia di strapparsi gli occhi e darli da mangiare ai cani. I Sonata Arctica degli ultimi dieci anni sono una roba talmente cacofonica e insensata che il suo stesso senso di esistere è incomprensibile. Li ascolti e dici “Ma perché hanno registrato sta melodia? Sto coro? Ste tastiere? Perché ora fanno così? Perché questo stacco? Perché ora c’è questa cosa?” e così via. È incomprensibile come possa qualcuno farsi piacere sta roba, ma soprattutto è incomprensibile come possa piacere agli stessi suoi autori. Ti viene voglia di pensare che in realtà Kakko ci stia prendendo tutti in giro e che provi un divertimento sadico nel produrre merda e farla ingoiare alla gente.

Tony Kakko imita l’espressione di dolore che avranno gli ascoltatori del disco

Può essere effettivamente così: magari Kakko è ricchissimo e ha un gruppo musicale solo per passatempo. Sapete come sono i ricchi, no? Uno si mette ad allevare coccodrilli, un altro fa collezioni di ossa di dinosauro, un altro ancora si butta in qualche sport estremo improponibile, eccetera. Kakko magari vive in una magione principesca affacciata su un lago finlandese (di sua proprietà), e come molte persone estremamente agiate è tormentato dalla noia, dal senso di colpa e dal vuoto valoriale. Quindi diventa sadico, un po’ fuori di brocca (il che spiegherebbe molte cose del processo compositivo), con tantissimo tempo da buttare e soprattutto con tantissimi soldi per farlo. Me lo immagino che ride sguaiatamente mentre si affanna a comporre la musica più fastidiosa, disgustosa e concettualmente sbagliata di sempre. Me lo figuro su una poltrona del suo smisurato salone, attorniato dai polverosi tomi da cui apprende le tecniche dimenticate per evocare gli orridi demoni blasfemi del cattivo gusto, mentre socchiude gli occhi fremente, pregustando il momento in cui migliaia di persone in tutto il mondo si sottoporranno alla tortura che lui sta così coscienziosamente preparando. E mi immagino i suoi compagni di gruppo come disperate larve svuotate dell’essenza vitale, segregati in un’umida cantina e nutriti ad acqua del lago stagnante e teste di pesce, costretti a imparare quei pezzi e a risuonarli dal vivo perché Tony Kakko custodisce le loro anime imprigionate in vasetti di terracotta sigillati grazie a inumane invocazioni risalenti ad eoni dimenticati.

Ph’nglui mglw’nafh Cthulhu R’lyeh wgah’nagl fhtagn

Oppure non è vero niente e semplicemente i Sonata Arctica sono l’ennesimo gruppo della merda che, per qualche motivo, alla gente piace abbastanza perché la casa discografica li faccia uscire con due video ufficiali a disco. Hanno sempre avuto un’atmosfera zuccherosa e vagamente natalizia, ma sulle prime era una sfumatura peraltro tipicamente finlandese e di sicuro non così ossessivamente presente; ora in certi momenti sembra di stare a sentire un disco di canzoncine di Natale, però uno di quelli napoletani con le cover fatte dai nipoti dei camorristi che compri alle bancarelle delle feste patronali a 5 euro. Un po’ quello e un po’ una versione sfigata del già sfigatissimo Phil Collins, quello peggiore, quello degli anni Ottanta con quelle canzoncine agghiaccianti da sbattere violentemente la faccia contro uno spigolo vivo per sottrarsi all’ascolto. E certe volte ricorda un po’ pure una sottospecie trista dell’AOR che mettevano a Miami Vice quando lui andava al tramonto sulla spiaggia a guardare il mare con sguardo intenso e riflessivo. Non c’è neanche troppo gusto ad insultarli perché sono incomprensibili: non si capisce sul serio come possa esistere una roba del genere. Max Cavalera dà molto più gusto quando lo insulti; i Sonata Arctica no. Ti cadono solo le braccia e ti passa la voglia di vivere. Poi però se un giorno dovessi davvero mettermi a parlare del rifacimento di Ecliptica sì che mi verrebbero fuori gli insulti veri. Per ora solo pessimismo e fastidio. (barg)

PS: peraltro mi sono ricordato solo dopo che già c’era un pezzo in cui parlavo davvero malissimo dei Sonata Arctica, ed era la recensione di Pariah’s Child, che la mia mente aveva comprensibilmente rimosso. Anche a rileggerla non ricordo assolutamente nulla né del disco né del momento in cui l’ho scritta. Comunque vabbè, il concetto ormai penso sia chiaro.

7 commenti leave one →
  1. 8 ottobre 2019 18:19

    Uccristo. Non ascoltavo i Sonata Arctica da un decennio almeno. Sono arrivato più o meno a due minuti e poi ho messo “Heaven shall burn…” praticamente senza accorgermene.

    Piace a 2 people

  2. Alberto Massidda permalink
    8 ottobre 2019 22:22

    A me pare più che stia venendo, dall’espressione facciale

    Mi piace

  3. Erik permalink
    9 ottobre 2019 19:24

    Ho perso più tempo della mia vita a leggere questo articolo che ad ascoltare il loro album.
    Fammi (o meglio, fatti) un piacere, datti ad un altro hobby, il blogging non fa per te

    Mi piace

  4. Andrew 'Old and Wise' permalink
    9 ottobre 2019 21:02

    Comunque condivido in pieno la faccenda dei ‘perchè questo, perchè quello’. Ho provato un vero senso di straniamento nell’ascoltare quelle bizzarre melodie, artificiose, inutilmente arzigogolate e del tutto inconcludenti’ per di più immerse in una melassa di arrangiamenti mosci e vacui che francamento sono inspiegabili. Non si cpaisce proprio che musica è e dove vuole andare a parare. Boh

    Mi piace

  5. weareblind permalink
    10 ottobre 2019 22:07

    Che rottura di palle sto album.

    Mi piace

  6. Fredrik DZ0 permalink
    11 ottobre 2019 22:35

    questa è la finlandia che NON ci piace. rimediate con la rece del nuovo – bellissimo – insomnium.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: