Skip to content

Le dieci canzoni che ogni metallaro che si rispetti dovrebbe conoscere a memoria

8 febbraio 2016

 

conan

Nel live report della data romana dei Grave Digger scrissi che Heavy Metal Breakdown è una delle dieci canzoni che ogni metallaro che si rispetti dovrebbe conoscere a memoria. Sono concerti, quelli, che ti smuovono dentro. Nel suo piccolo quel pezzo è un manifesto Heavy Metal, quello dello spirito primigenio del metal che si riconduce al fare casino e al disturbare le quieti notti di tutti, donne e bambini compresi. È lo shock che sveglia la gente dal torpore della quotidiana routine e dalla piaga del pensiero comune e che induce chi ne è colpito a destarsi e manifestare la propria discontinuità verso ciò che lo circonda; in Metalshock i Flotsam and Jetsam avrebbero detto The power chords raise the dead/ People come alive banging their heads. Il metal alla fine, come dicevo anche a proposito di Filosofem, è un modo per distinguersi. Allora mi sono chiesto: se Heavy Metal Breakdown è la nr. 10, quali sarebbero le altre nove? E attenzione: devono parlare di ciò che siamo. Ecco fatto, ci ho perso alcune notti di sonno su questa domandina facile facile. Quindi, questo è il risultato di una serie di solipsismi notturni che hanno avuto a loro sostegno solo una memoria ormai pesantemente afflitta dall’età avanzante (e da una serie di altri additivi che ora non vi sto a specificare). Tre note per l’uso e il consumo: è una lista personale; l’ordine è sparso e non è una classifica; non sono per forza le canzoni più famose/più belle dei dischi più famosi/più belli dei gruppi più famosi/più belli e sicuramente manca un sacco di roba che avrebbe messo chiunque altro.

  1. Heavy Metal – JUDAS PRIEST

Questo è un altro vero e proprio manifesto dell’HM. Ce ne sono tante altre che inneggiano allo stile di vita metal ma questa mi sembra un ottimo compendio e soprattutto descrive con precisione ciò che c’è da sapere sugli effetti diretti e collaterali che un ascolto massivo e prolungato di heavy metal produce sul corpo e sullo spirito dell’essere umano.

  1. Stand Up and Shout – DIO

Il far casino, si diceva. Ma non c’è solo quello, il metal è anche alzarsi in piedi e reclamare ciò che si vuole, ciò che spetta di diritto. Parola del Signore. Rendiamo grazie a Dio.

  1. I Want Out – HELLOWEEN

Qui il discorso si fa più elaborato. Gli Helloween raccontano le nostre vite vissute. Tutti, soprattutto da ragazzini, ci siamo sentiti in qualche modo messi all’angolo e discriminati per essere distanti dalla media. I capelli, le borchie, l’atteggiamento irriverente erano mera esteriorità. People tell me A and B/ They tell me how I have to see/ Things that I have seen already clear può essere il riassunto della adolescenza di molti ma poi alla fine lo sapevamo già che There’s a million ways to see the things in life/ A million ways to be the fool/ In the end of it, none of us is right e questo relativismo sulle cose gli altri non riuscivano nemmeno a concepirlo e quindi, alla fine di tutto, realizzavi che Sometimes we need to be alone.

  1. Metal – MANILLA ROAD

I Manilla Road alzano il tono della discussione e lo portano, come sempre hanno fatto, a un livello di lettura superiore. È giusto, dunque, ritenersi migliori degli altri? Beh, forse sì: We praise the blood that metal brings/ The essence of creative quality. Qualcuno ha fatto anche degli studi su chi ascolta musica ‘veloce’ e pare che risultiamo essere i più intelligenti. Vero o falso, non saprei (oddio, conosco parecchie eccezioni alla ‘regola’), di sicuro il metallaro medio ha una sensibilità più evoluta nei confronti dell’arte rispetto al discotecaro medio, per dirne una. L’assolo finale poi è storia.

  1. I’m a Rebel – ACCEPT

La versione universalmente nota del metallaro è il ribelle. Anche qui, ce ne sono un milione di canzoni che inneggiano allo spirito eversivo e anticonformista, ma chi meglio degli Accept di UDO?

  1. We’re Not Gonna Take It – TWISTED SISTER

We’ve got the right to choose and there ain’t no way we’ll lose it/ This is our life, this is our song/ We’ll fight the powers that be just, don’t pick our destiny ‘cause/ You don’t know us, you don’t belong. Cosa dovrei aggiungere a questo punto? No, ditemi voi…

  1. Aaaaaaarrghh – VENOM

I Venom, invece, con questo pezzo stramboide ci rappresentano il nostro lato più disturbato. Vogliamo forse negare di averne uno?

  1. Wenches & Mead – ALESTORM

Ebbene sì, anche gli Alestorm hanno pieno diritto di rientrare in questa personalissima Hall of Fame del Metallo, soprattutto perché ci collegano con la nostra parte più primordiale e terra terra. Va bene il metallo che scorre nelle vene, il far casino a prescindere e spaccare tutto, lo sbattere i pugni per reclamare uno spazio legittimo, la difesa dei valori e delle proprie idee, il diritto di escludersi da tutto quando gli altri non ti accettano, eccetera. Ci sono anche altre cose che contano: le troie e la birra! Eh, lo so che posso sembrare uno volgare maschilista, ma ehm, sti cazzi: Hey! Hey! I want more wenches/ Hey! Hey! More wenches and mead/Hey! Hey! I want more wenches/ Lots of wenches is what I need.

  1. The Warriors Prayer – MANOWAR

Non potevo che chiudere coi Manowar, coloro che meglio in assoluto hanno saputo inneggiare allo spirito di corpo, e fare discorsi enormi e dire frasi altisonanti. Avrei potuto scegliere Metal Daze, Sign of the Hammer, Metal Warriors o altre, ma mi sono chiesto: alla fine, cosa tramanderò alla mia prole e ai miei nipoti? E se già lo capite ora, lo capirete ancora meglio quando sarete genitori. HAIL! (Charles)

 

14 commenti leave one →
  1. 8 febbraio 2016 10:36

    Io aggiungerei anche The Trooper dei Iron Maiden!

    Liked by 1 persona

  2. 8 febbraio 2016 14:47

    Per i Manowar io vado su Warriors Of The World che penso sia la sintesi del fomento.

    poi Denim & Leather dei Saxon, Heavy Metal Universe dei Gamma Ray e All We Are dei Warlock.

    e la menzione d’onore per Bound For Glory di Angry Anderson (Rose Tattoo), di cui c’è anche un bellissimo video con lui che la canta fomentato a diciottomila sopra una batmobile per no nso che finale del Superbowl Australiano, e la gente che intanto ride e lo piglia per il culo, ma a lui non frega un cazzo e continua ad essere felicissimo perchè sta cantando Bound For Glory. Pezzo che avrebbe potuto essere inserito in una qualsiasi colonna sonora di Rocky insieme a Eye Of The Tiger e a Burning Heart

    Liked by 2 people

  3. Ranx permalink
    8 febbraio 2016 16:53

    per me al numero uno c’è “Heavy metal angels” degli Heavy Load, una specie di summa del metallo primigenio, motociclette e giubbotti di pelle.

    Mi piace

  4. sergente kabukiman permalink
    8 febbraio 2016 17:26

    faccio una lista sparpagliata delle prime che mi vengono in mente
    1)high on fire- the sunless year
    2)entombed- out of hand
    3)terra firma- spiral guru
    4) carcharodon- the sky has no limits
    5)absurdus- on the way to hell
    6)pantera-the great southern trendkill
    7)accept-qualsiasi canzone dei primi dischi, facciamo balls to the walls va’
    8)judas priest- you don’t have to be old to be wise
    9)suicidal tendencies- possessed by skate
    10)iron maiden-gangland
    bonus 11) pig destroyer-starbelly
    bonus 12) solace-whistle pig

    Mi piace

    • 8 febbraio 2016 20:00

      grande che ci metti i Carcharodon! io ci sparerei dentro Stoneface Legacy a cannone

      Mi piace

      • sergente kabukiman permalink
        9 febbraio 2016 21:45

        sono una band grandissima!roachstomper è uno dei dischi più belli che ho sentito negli ultimi anni!

        Mi piace

  5. Petrvs Epicvs Metallicvs permalink
    8 febbraio 2016 21:05

    Permettetemi di aggiungerne 2 a me molto care: Denim & Leather dei Saxon, che qualcuno ha già citato, e Rock Hard, Ride Free dei Judas Priest, che tende ad essere poco considerata, ma è comunque un grandissimo pezzo sul “vivere metal”….
    Rock with a purpose/got a mind that won’t bend/diehard resolution/that is true to the end
    No denyin’ we’re goin’ against the grain/so defiant they’ll never put us down
    Rock Hard Ride Free/all day, all night
    Rock Hard Ride Free/all your life

    Liked by 1 persona

  6. Il_Cimi permalink
    8 febbraio 2016 21:26

    Sarebbe bella anche una lista dei pezzi di vero rock and roll!

    Mi piace

  7. 8 febbraio 2016 22:53

    Io ci aggiungerei anche Blinded By Fear degli At The Gates: è più estrema delle altre, ma alla fine un po’ di sano nichilismo anni ’90 ci sta sempre bene, soprattutto a colazione con latte e cereali.

    Liked by 1 persona

  8. Frank permalink
    8 febbraio 2016 22:59

    Ach! Qualcuna di quelle citate me l’ero persa per strada. Perdono.
    Mi ricordo che quando c’erano ancora le audiocassette e no internet, mi facevo le compilation coi brani “di noi metallari” che riuscivo a procurarmi.
    Provo a contribuire (a memoria e in ordine sparso: Manowar fuori concorso):
    Helloween – Heavy Metal is the law
    Overkill – In union we stand
    Running Wild – Chains & leather, Prisoners of our time, Raise your fist
    Meat Loaf – Bat out of Hell
    Twisted Sister – I wanna rock

    Mi piace

  9. 17 febbraio 2016 17:16

    eh no! a memoria masters of puppets dei metallica e thundersteel dei riot! obbligatorio!!!!

    Mi piace

  10. 17 febbraio 2016 17:22

    ed ogni singola parola di questa scena, of course: https://www.youtube.com/watch?v=P42aRKpqKkI

    Mi piace

Trackbacks

  1. Avere vent’anni: MANOWAR – Louder Than Hell | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: