Skip to content

Music to light your joints to #16 – strenna natalizia

21 dicembre 2015

santa

Nuovo numero della sempre temibile rubrica MTLYJT che, visto il periodo dell’anno, serve anche da recuperone in anticipo (una nuova frontiera della professionalità qui a MS). Nel caso siate ancora indecisi su cosa farvi portare da Babbo Natale, spero che codesta strenna narco-natalizia possa essere da guida per voi e le vostre mamme e fidanzate sugli ultimi acquisti da fare prima di dedicarvi anima e corpo al culto del panettone.

Monolord – Vænir: qualche numero fa venne promesso che ne avremmo parlato con considerevole ritardo e siamo stati di parola. Ce ne occupiamo quindi circa sei mesi dopo la data di uscita, giusto il tempo necessario per digerire un lavoro di tale pesantezza. Il secondo album degli svedesi è sempre una faccenda che gira intorno al monolitico monoriff ed è anche piuttosto in linea con il precedente ma meglio, se Empress Rising trovava il suo centro e apice quasi esclusivamente nella title track, nel caso di Vænir i pezzi validi sono praticamente tutti (avrei tagliato solo Nuclear Death, abbastanza incolore). La differenza maggiore la fanno le parti vocali che in questa prova sono molto più curate e definite; il trio si cimenta addirittura con il brano acustico che, come giusto che sia, scopiazza senza pietà un pezzo simile scritto da un noto signore mancino con i baffoni. Ma questo non può essere certo un problema, quando si copia quella mano va sempre tutto bene.

uncle-acid-the-night-creeperUncle Acid & The Deadbeats – The Night Creeper: sono alcuni anni che il filone vintage occulto rappresenta pressoché il meglio della produzione metal, le uscite però si moltiplicano ed io comincio ad essere leggermente saturo. Escono miliardi di cose che suonano un po’ tutte alla stessa maniera e fanno riferimento ai medesimi canoni estetici, ma alla fine, quando vai a filtrare, quelli realmente validi restano un numero piuttosto ridotto. Fra questi gli Uncle Acid si difendono ancora alla grandissima e nel nuovo album si mostrano meritevoli dello status acquisito. The Night Creeper si piazza a metà fra l’immediatezza di Blood Lust e la malattia di Mind Control. Non ci sono evoluzioni particolari del sound, lo scarto di serietà è già avvenuto e quindi la differenza rispetto ai diretti concorrenti la fanno solo i pezzi. Pusher Man è tra le canzoni dell’anno e siamo quasi alla perfezione del genere: un mix esemplare quanto indefinibile di senso di pericolo, narcotici e presenza del maligno. È una questione inafferrabile di equilibrio e loro sembrano averlo trovato in questi mid-tempo fra nausea e giramenti di testa. Non credo sia una questione di formule, penso sia piuttosto un periodo di particolare ispirazione, godiamocelo finché dura.

cobras and fire

Quest’anno il veglione di capodanno si fa a casa di Dave Wyndorf

Monster Magnet – Cobras & Fire (The Mastermind Redux): l’esperimento fatto lo scorso anno con Milking The Stars deve aver dato parecchio gusto al Sig. Wyndorf che, a breve distanza di tempo, ci ripropone lo stesso giochetto revisionista con il proprio album del 2010. Stralci più o meno ampi del disco vengono imbottiti di psicotropi e squagliati nell’acido, facendo quindi ciò che era giusto fare fin dal principio. Essendo il materiale di partenza di Mastermind assai meno sbroccato di Last Patrol, il lavoro di revisione incide nel complesso in maniera ancora più profonda di quanto avvenuto in quell’occasione. La nuova versione di Hallucination Bomb è epica. Notevoli i nuovi innesti fra cui la cover di Ball Of Confusion (in origine una cosa di area Motown) e la clamorosa traccia finale: un mash-up furioso di vari frammenti ad opera del famigerato Joe Barresi. Ora non so se i Monster Magnet abbiano intenzione di riproporci la propria carriera a ritroso, forse però farebbero meglio a sfruttare il momento propizio lavorando a del nuovo materiale con lo stesso spirito con cui hanno messo mano a questi esperimenti. Detto questo un ipotetico ‘what if’ di Monolithic Baby! non mi dispiacerebbe affatto.

acidwitchAcid Witch – Midnight Movies: il cinema horror è da sempre parte integrante dell’immaginario metallaro, gli Acid Witch da buoni esponenti del nerdismo mefistofelico sublimano la loro passione per il genere in questo ep di quattro pezzi dedicato a rivisitare vari temi del filone filmico in questione. La scelta di un tema così circoscritto differenzia in positivo Midnight Movies dalla maggior parte dei dischi di cover (occhio che è uscito quello di Danzig), nel caso specifico poi il doversi misurare con roba altrui è anche un mezzo per andare oltre i limiti del proprio songwriting, che nel caso dei quattro scoppiatoni di Detroit è irresistibile ma comunque limitato. Colonna sonora ideale per la tombolata di fine anno col brivido. Tante care cose a tutti e, mi raccomando, non vi abbuffate.

 

6 commenti leave one →
  1. sergente kabukiman permalink
    22 dicembre 2015 12:57

    l’ho già detto e lo ripeto: che palle sto revival scrauso del rock occulto/vintage(con annessa strappona pseudo-sacerdotessa dietro al microfono). teniamoci stretti i black tusk che saranno scontati da morire ma almeno non hanno paura di puzzare.

    Mi piace

    • El Greco permalink
      22 dicembre 2015 14:21

      ti dirò che su questo non sono troppo d’accordo, a me il genere piace un sacco, il problema semmai è al momento che l’offerta è esagerata e poco differenziata. ci sono mille gruppi tutti mediamente fichi ma pochi davvero eccellenti

      Mi piace

      • sergente kabukiman permalink
        22 dicembre 2015 14:49

        in effetti si mi sono espresso male, anche a me piacciono i windhand per farti un esempio, ma il fatto che sia diventato un fenomeno di massa mi scoccia un po’, solito discorso delle mezze seghe che salgono sul carro dei vincitori. Quanto sono palloso oh..

        Mi piace

Trackbacks

  1. Bonded by Blog: le playlist del 2015 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  2. Year of the Goat: i dischi del 2015 secondo Metal Skunk | Metal Skunk
  3. INTO THE VOID @Neushoorn, Leeuwarden, 21-22 ottobre 2016 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: