Skip to content

TAAKE – Noregs Vaapen (Dark Essence)

26 ottobre 2011

I Taake sono, per me, l’ultima band di black metal classico. Nel senso che sono gli unici ad avere quell’ampiezza di respiro e quella profondità di obiettivi tali da poter incidere sul canone, sulla genetica stessa del BM. Ci sono gruppi le cui carriere dipendono da una scena; ce ne sono altri da cui la scena dipende. E così le innovazioni di Nattestid Ser Porten Vid e Over Bjoergvin Graater Himmerik non sono esperimenti o deviazioni dal percorso: sono esse stesse ortodossia, incidono sulla definizione stessa di black metal.

In questo ci sono delle contingenze che volgono tutte a favore della band di Hoest: la provenienza geografica (Bergen), non solo un patentino di trveness ma appartenenza endemica agli stessi codici e simboli e archetipi di chi ha fatto in modo che il genere sia quello che è; il tempismo storico, perfettamente a ridosso con la fine delle prime due ondate, quelle fondanti: un demo nel 1993 a nome Thule, poi, come Taake, primo demo nel 1995 e debutto in full lenght nel 1999, quando ormai nel black metal si era detto tutto e chi non copiava poteva giusto limitarsi a cercare qualche variazione sul tema senza uscire dai paletti.

I Taake invece hanno ripreso il filo del discorso interrotto dalla fine dell’età d’oro del BM anni novanta. Non hanno girato intorno al genere dall’esterno per cercare di riprodurre o aggiungere qualcosa, ma si sono infilati nelle nicchie lasciate ancora aperte dai gruppi storici e le hanno riempite, dando al proprio suono un’ampiezza che solo Hoest, probabilmente, è riuscito ad ereditare.

I primi due dischi, Nattestid e Bjoergvin, sono i loro capolavori. Lì si è formato (e fermato) il tratto distintivo del loro suono: ambientazioni ariose e paesaggistiche, struttura particolarmente elaborata, tasso tecnico estremamente alto (per il genere) e un’andamento molto ipnotico a cui contribuisce la ripetizione di riff in tempi dispari spezzati da break improvvisi. Il terzo Hordalands Doedskvad intraprese la strada del black’n’roll e fu, almeno per me, una cocente delusione, tanto da avermi fatto passare la voglia di ascoltare sia il quarto disco omonimo che le innumerevoli uscite minori. Ora che è passato un po’ di tempo e la rabbia è sbollita è uscito Noregs Vaapen, il quinto album. Che non è malissimo, e forse non lo sarebbe neanche Doedskvad se lo ascoltassi adesso senza le aspettative della vigilia.

Noregs Vaapen è immediatamente riconoscibile come disco dei Taake, avendo in sè ogni caratteristica formale o sostanziale affermata e ribadita nei dischi precedenti. È ancora sporcato di black’n’roll, ma in maniera incostante seppur spesso riconoscibile sottopelle. Della fiacchezza del singolo Nordbundet si è già accennato: fuori fuoco, eccessivamente ritmato, giocato troppo sui continui cambi di riff e di tempo, una specie di rivisitazione povera degli ultimi Enslaved che  arriva spiazzante dopo i primi due pezzi più tradizionali. La curiosità dell’album (che in altri tempi -meno tolleranti- si sarebbe chiamata pietra dello scandalo più che curiosità) arriva con la quinta Myr, in cui a un certo punto parte un banjo. Detta sinceramente, è una puttanata. Il banjo non ha nulla  a che fare col black metal (si tenga presente il discorso iniziale sul rapporto tra il BM e i Taake), evoca atmosfere aliene allo stesso e non è ammissibile un paragone -come ho sentito da più parti fare- con l’altra famosa sperimentazione di Bjoergvin, lo scacciapensieri. Quest’ultimo è uno strumento folk europeo tradizionale, già usato dai Bathory ed evocatore di un mondo rurale misterico e pastorale che non esiste più; il banjo è semplicemente una forzatura, a meno che con mondo pastorale non si intendano anche i cowboy texani che ballano la quadriglia sul carro da fieno sparando ai messicani che attraversano il confine. Per il resto è un disco di maniera, come è anche normale che sia. Fanno bella mostra di sè le partecipazioni di Nocturno Culto, Demonaz e Attila Csihar, ma non sono riuscito a capire chi ha partecipato dove e quindi dovrete scoprirvelo da soli o leggerlo su Metal Archives quando i particolari saranno di pubblico dominio. (barg)

 

15 commenti leave one →
  1. 26 ottobre 2011 18:55

    Dopo bjoergvin era dura sfornare un altro capolavoro ( ancora risuona in me il mitico marranzano!!! ) x fortuna il black’n’roll e la galera ha tenuto viva la nera fiamma dei Taake.
    Chi è rimasto? I Khold blakkeggiano bene ma sono stanchi; gli Shining ormai scimmiottano gli Opeth; Fenriz è ritornato al discogaypop; Varg ci prende x il culo e i Carpathian Forest si sono persi nel bosco.
    Quindi lunga vita a Hoest!!!

    Mi piace

  2. stefano permalink
    26 ottobre 2011 22:59

    20 anni fuori tempo max

    Mi piace

  3. funambolo permalink
    28 ottobre 2011 10:30

    Dai Myr è adorabile

    Mi piace

  4. lars permalink
    16 dicembre 2011 17:28

    L’IGNORANZA IN QUESTA RECENSIONE FUORIESCE DI RIGA IN RIGA SEMPRE DI PIU……LASCIA PERDERE QUESTO MESTIERE O ALMENO NON RECENSIRE GRUPPI BLACK METAL!!!!!
    NOTARE:
    È ancora sporcato di black’n’roll= E UN DISCO DI TRUE NORWEGIAN BLACK METAL QUINDI E NORMALE CHE ABBIA INFLUENZE BLACK ‘N ROLL!!

    Una specie di rivisitazione povera degli ultimi Enslaved= I TAAKE HAN SEMPRE RICORDATO GLI ENSLAVED FORSE PERCHE SUONANO LO STESSO GENERE???? CHE NE PENSI?????

    Il banjo non ha nulla a che fare col black metal????
    E CHI LO HA DETTO????

    Il banjo e’ semplicemente una forzatura, a meno che con mondo pastorale non si intendano anche i cowboy texani….che ballano la quadriglia sul carro da fieno sparando ai messicani che attraversano il confine ….MA PERFAVORE!!!!!

    STUDIA LA STORIA DEL NORDAMERICA E DEGLI STRUMENTI MUSICALI :

    Il banjo è un cordofono di origini africane, già popolare tra i neri americani durante la Guerra di secessione americana nella sua versione a cinque corde e da allora largamente usato nella musica tradizionale nordamericana.

    Qui i guest dell album….

    Fra vadested til vaandesmed feat nocturno culto
    Nordundet feat Attila
    Du ville ville Vestland feat Demonaz

    Mi piace

  5. john permalink
    2 gennaio 2012 09:02

    dire che doedskvad non sia un granchè o che comunque raggiunga la sufficienza e niente più è un abominio! la part I e la III sono capolavori!! soprattutto l’intro di quest’ultima: uno tra i pezzi più riusciti in tutto il contesto BM, vero stile norvegese

    Mi piace

Trackbacks

  1. L’ultima playlist prima dell’apocalisse « Metal Skunk
  2. La mensa di Odino #7 « Metal Skunk
  3. La mensa di Odino #8 « Metal Skunk
  4. TAAKE // DISGUISE // SEDNA // NERODIA @Traffic, Roma, 20.04.2012 « Metal Skunk
  5. RINGS OF SATURN e KRALLICE: racconto di due città « Metal Skunk
  6. Musica di un certo livello #18: KAMPFAR, ISKALD, WOODS OF DESOLATION | Metal Skunk
  7. TAAKE @Traffic, Roma, 30.04.2014 | Metal Skunk
  8. XXII AGGLUTINATION @Chiaromonte (PZ), 21.08.2016 | Metal Skunk
  9. Blog Fire Death: le playlist 2016 dei tizi di Metal Skunk | Metal Skunk
  10. La mensa di Odino #17, ovvero il recuperone di fine anno | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: