Il nuovo dei JUDAS PRIEST rischia di essere carino

Perché i Judas Priest continuano a chiamare ‘kids’ i loro fan nonostante l’80% di loro abbia più di 40 anni?

Giusto, dovrebbero chiamarli ‘vecchi scorreggioni’ (scambio tra due utenti di Blabbermouth).

judas-priest-2012

Redeemer of Souls continua a promettere discretamente. March of the damned, seconda anteprima di quello che sarà il sedicesimo (e primo senza KK Downing) album dei Judas Priest, è pure più convincente della title-track, della quale vi aveva parlato Roberto a suo tempo. Anch’essa accostabile stilisticamente all’epoca di Defenders of the Faith, la canzone è un classico mid tempo nello stile della band, con un riff semplice semplice ma solido e roccioso, un bell’assolo e Halford che continua (giustamente) a evitare di strafare. A fine ascolto, ti viene voglia di rimetterla su, il che è un buon segnale. Tra un paio di mesi scopriremo se varrà lo stesso per tutto il disco.

2 commenti

Rispondi a Dr. Phibes Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...