Skip to content

BLUT AUS NORD – Memoria Vetusta III: Saturnian Poetry (Debemur Morti)

29 dicembre 2014

blut-aus-nord-memoria-iiiQuella tra Vindsval e W. D. Feld è, probabilmente, la collaborazione artistica, ancora attiva, più longeva e feconda di tutto il panorama black metal francese. Dalla metà degli anni ’90 ad oggi, i due avranno pubblicato qualcosa come 16 tra full-length ed EP. Nonostante ciò, quello dei Blut Aus Nord, soprattutto nella seconda metà della sua vita (e quindi da Memoria Vetusta II in poi), rimane fondamentalmente il progetto di Vindsval. E se, come spesso accade per le one-man band, questi progetti da una parte sono afflitti da un’eccessiva produzione che mette a dura prova anche la resistenza dei fan più affezionati, dall’altra (essendo svincolati dalle logiche tipiche di ogni band e risolvendo sul nascere le difficoltà proprie di una qualsiasi collaborazione tra persone, come il dover negoziare tra intenti non sempre allineati) sono i soli che riescono ad andare oltre ogni incasellamento di genere possibile. Questa estrema varietà, molto spesso, oltre che confondere le idee dei propri sostenitori, rischia di portare a conclusioni sommarie chi, invece, ne deve scrivere e che in due parole si trova a dover ricondurre il tutto a sintesi estrema. Quindi, è tempo che vi becchiate lo spiegone sui Blut Aus Nord e non come Oscar alla carriera, ma per il fatto che Memoria Vetusta III rischia di essere il loro miglior disco.

Sarebbe cosa perfettamente comprensibile se la maggior parte di voi fosse rimasta ferma ai tempi del quinto disco, MorT. Quello, infatti, rappresentava lo stadio terminale di un processo di decostruzione dello stile dei BAN iniziato qualche anno prima con The Mystical Beast of Rebellion, lavoro da molti considerato come uno dei più rappresentativi della carriera dei francesi, composto di sei capitoli praticamente uguali tra loro, che ripetevano allo sfinimento lo stesso distortissimo riff di due note in croce. Quella pseudo trilogia, che includeva pure The Work Which Transforms God (esperienza già molto più praticabile della precedente), catapultò definitivamente i francesi nel mondo del cosiddetto noisy-avantgarde black metal, le cui basi consistevano in una destrutturazione della forma canzone tipica del BM e in una rappresentazione (anche doomy) di stati d’animo a dir poco pessimistici e apocalittici. MorT, nomen omen, segnò la morte ideologica di tutto ciò perché rasentava l’indigeribilità più assoluta, con le sue atmosfere irrespirabili decisamente doom (i cui segnali erano già molto evidenti nell’EP Thematic Emanation of Archetypal Multiplicity). Questa fase dei BAN non rappresenta proprio la mia tazza di tè. E se tralasciamo l’esordio (Vindsval – nostro coetaneo – fece Ultima Thulée che praticamente era un ragazzino), che ricorda certi esperimenti di Håvard Ellefsen e dei suoi Mortiis e Vond, allora tanto in voga negli ambienti underground, e Odinist, descritto dallo stesso frontman come un semplice disco di passaggio buttato giù in due minuti, ci appare chiara pure la logica che sta dietro l’astrusa produzione di quest’uomo, basata su trilogie tematiche: i tre EP di raw black metal What Once Was…, i tre 777 (esperimento poco riuscito, ma non tutto da scartare, di industrial) e i tre Memoria Vetusta.

Se dovessi consigliare a qualcuno che non conosce questa band o che è rimasto fermo a più vecchie produzioni, gli direi di concentrarsi proprio su quest’ultimi, decisamente più consoni ai miei gusti (e vabbè) ma anche decisamente i più ispirati in generale. A partire dal primo, grezzo e violento, al secondo, figlio dell’epoca Hammerheart e Twilight of the Gods, a quest’ultimo che, pur restando fedele alla logica di cui sopra (atmosfere aperte ed accenni di tipico incedere viking), fa un leggero passo indietro nel tempo e si attesta su un black metal senza tanti fronzoli. A volte ad essere semplici si fa la cosa migliore. (Charles)

2 commenti leave one →
  1. Seguace di Vindsval permalink
    29 dicembre 2014 20:49

    Vindsval ha cominciato anni fa un discorso, sfruttando e/o torcendo le strutture del black metal, che ha saputo diversificare lungo linee perfettamente distinguibili e che ha tuttora una sua coerenza. La sua non è una carriera che possa essere sintetizzata o definita da semplici considerazioni su quale disco rappresenti l’apice, quale un tonfo di stile, ecc, ma ad ogni uscita ti costringe ad ascoltarlo. Un black metal che esula dai contenuti canonici (che forse sono diventati una triste barzelletta) per essere assunto come filosofia o filtro grazie a cui osservare il mondo (che secondo me è l’unico modo che ha il BM per continuare ad avere un senso).
    Detto questo, un applauso al lavoro di Gionata Potenti sul disco. E per dimostrare che non prendo per oro colato tutta la produzione dei BAN dirò che per me Odinist è più bello di The Work Which Transforms God, che il modo in cui si sviluppa la trilogia 777 mi ha un po’ spiazzato/deluso e che il Vindsval più interessante del 2014 è quello dell’ep Debemur Morti e dello split con i P.H.O.B.O.S.
    Lode a Vindsval.

    Mi piace

Trackbacks

  1. Avere vent’anni – gennaio 1995 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: