Skip to content

Il bassista dei Naer Mataron va a spaccare bancarelle con gli amichetti di Alba Dorata

9 settembre 2012

un impegno preciso: picchiare donne, bambini e interisti

L’altra notte una trentina di militanti del partito greco Alba Dorata hanno spaccato alcune bancarelle abusive nei mercatini delle città di Rafina e Messolonghi. Tra loro c’erano anche due membri del parlamento greco, uno dei quali era Giorgios Germenis, bassista dei Naer Mataron anche conosciuto come Kaiadas. I due onorevoli, forti dell’autorità parlamentare, sono andati in giro a controllare i documenti e le licenze degli ambulanti e, laddove hanno riscontrato irregolarità, hanno spaccato tutto a calci insieme agli altri. Dopodiché, riferiscono le cronache, i camerati si sono uniti al corteo cittadino in onore della Vergine Maria e si sono messi davanti a una chiesa con le loro bandiere greche a intonare canti alla Madonna. Considerando che i Naer Mataron sono un gruppo black metal stupramadonne (con testi tipo ho visto la mediocrità del subumano della croce e le fiamme bruciare il figlio di Dio e i suoi santi, o ancora sogno un mondo senza il subumano di Geova, annuncio il ritorno dell’Ultrauomo che riporta i segni dell’Yggrasill, e per un greco mettersi a parlare di mitologia nordica vuol dire non avere capito una mazza di niente), beh, insomma, poi andare a cantare l’Ave Maria non depone proprio bene. Germenis/Kaiadas è stato intervistato nel video che riprende il raid in questione e che potete vedere qui sotto. Lui è il ciccione pelato che parla verso la fine. 

Il partito criptonazista di Alba Dorata, pur esistendo da una ventina d’anni, solo recentemente è riuscito a emergere alle elezioni politiche con 21 deputati. Nel recentissimo passato i membri di codesta associazione si sono distinti, tra le altre cose, per il pestaggio di quattro pescatori egiziani abusivi e soprattutto per il pietoso spettacolino che uno dei loro membri di punta, Ilias Kasidiaris, ha inscenato in un talk show, in cui ha prima buttato un bicchiere d’acqua su una donna e poi ne ha preso un’altra a schiaffoni. Lisistrata avrebbe saputo che fare con un soggetto del genere. A noi l’unica alba dorata che piace è questa. (barg)

“ne valeva la pena di fare tutto sto casino, Leò?”

17 commenti leave one →
  1. 9 settembre 2012 16:27

    Comprendo la serietà dell’argomento, ma non riesco a mantenere un contegno socialmente accettabile se si postano immagini di 300:

    Mi piace

  2. Snaghi permalink
    9 settembre 2012 16:31

    che belle cose…

    Mi piace

  3. lukasbrunner permalink
    9 settembre 2012 17:21

    In espressione piemontese: balenghi…

    Mi piace

  4. Nervi permalink
    9 settembre 2012 20:50

    “i camerati si sono uniti al corteo cittadino in onore della Vergine Maria”

    Niente di strano. Le chiese hanno sempre appoggiato i regimi più sanguinari. Che poi un membro di un gruppo satanico si unisca a dei cortei religiosi forse dovrebbe fare riflettere sul fatto che ormai i sorci si sono infiltrati anche nell’underground.

    Mi piace

  5. fredrik permalink
    9 settembre 2012 23:55

    sempre peggio sto panda del cazzo e la sua pioggia dorata.

    Mi piace

  6. MorphineChild permalink
    10 settembre 2012 12:45

    vivo nella perenne speranza che individui come questi un giorno incontrino uno più grosso e cattivo di loro che ne faccia macinato per salsicce. tombstone!

    Mi piace

  7. GTidoo permalink
    11 novembre 2012 19:03

    Vorrei paragonarli alla peggio fogna o a qualche nutria mutante post olocausto nucleare, ma visto che la musicaccia che ascolto è piena di ste robe non so che fare, a parte chiamarli luridi omofobi ultraviolenti sadici minorati falsicomegiuda drogatidipotere retrogradi et cetera foetida.

    Mi piace

  8. 18 novembre 2012 13:56

    sinceramente prima di poter esprimere un opinione su di una situazione sociale bisognerebbe viverla sulla propria pelle!
    Ognuno di noi ha le sue idee e come l’intelligenza ci insegna bisogna rispettare quelle altrui senza denigrarle, l’opinione è lecita ma ripeto, finchè non si vive nella situazione e non si vedono le nefaste conseguenze di un governo in rovina, piegato dalla corruzione, dall’immigrazione clandestina, dal terrore di poter uscir di casa perchè si rischia facilmente la vita per 10 euro e che la speranza di un futuro è oramai lontana per molti, fossi in molte persone mi fermerei un attimo a ragionare prima di poter parlare!
    Il video qui documenta il raid del Golden Dawn a Rafina, ma almeno sapete il perchè di questa reazione da parte loro? sapete cosa ha spinto un partito politico con i suoi militanti a questo gesto? pensate sia la violenza? che abbiano voluto dar prova di esser un partito intoccabile e potersi permettere di fare quello che vogliono? vi dico di NO!
    Innanzi tutto spesso i media dicono un pò come vogliono loro le notizie in modo da farci giungere spesso il significato più negativo e superficiale, vi faccio un esempio: se in Italia comparissero migliaia di bancarelle abusive, senza una licenza, senza i permessi per poter esercitare la professione, vendendo oggetti alla metà del prezzo alla faccia degli onesti commercianti che pagano le tasse, i fornitori e le dovute licenze per esser in regola rischiando spesso di dover esser obbligati a chiudere la loro attività per colpa di costoro che NON sono in regola, questa cosa è giusta secondo voi? siccome in Italia piuttosto che far sentire la nostra voce continuiamo a lamentarci e prendercelo nel culo senza vaselina sarebbe ora che le parole si mettessero da parte e ci si mettesse in marcia per far qualcosa!!!!
    A mali estremi, estremi rimedi, la Grecia è in crisi nera,in totale collasso finanziario e vige una certa anarchia che và fermata ad ogni costo e con ogni mezzo, quando anche noi italiani arriveremo a questo punto voglio proprio vedere le reazioni di molti finti perbenisti,poi ne potremmo riparlare!

    Per quanto riguarda Kaiadas ( George Germenis leader dei Naer Mataron) lui è una persona coerente e sebbene una branca del Golden Dawn sia fortemente cattolica c’è l’altra parte che è di stampo pagano (infatti lui appartiene alla seconda )e non ha fatto parte al corteo in onore della Vergine Maria, come penso si possa anche vedere chiaramente nel video!
    A molti di voi che criticano direi di pensare prima di sentenziare e dar giudizi, a differenza dei molti politici di casa nostra che ci fanno vivere d’illusioni e menzogne riempiendosi le tasche con i nostri soldi, il partito del Golden Dawn ha richiesto espressamente di non voler percepire uno stipendio superiore a 2500 mensili impiegando il restante denaro ( uno stipendio medio di un parlamentare greco è di 8500 euro) a favore per il popolo greco e le famiglie disagiate ( se andate sul sito del golden dawn e usaste il google translator potreste meglio comprendere!)
    Invito quindi tutti che prima di giudicare o proferire parole inesatte o concetti inadeguati d’informarsi meglio!

    Mi piace

    • 22 marzo 2014 13:11

      Certo infatto tra decine di bancarelle me hanno trovata solo una sulla quale potessero accamparsi il “diritto” di fare questa ignominia. La verità è che i fascisti vivono delle crisi e sperano ardentemente la loro venuta per avere il supporto pubblico necessario a “giustificare” i loro metodi, noi in italia e i tedeschi lo sappiamo bene che queste cose rispondono a cicli ben determinati e che i regimi reazionari di stampo autoritario e intollerante hanno sempre seguito periodi di crisi e di debolezza causati dai maledetti riformisti senzapalle, che poi sono la causa più a monte della venuta di questi stronzi contemporaneamente all’arretrare del movimento operaio che dovrebbe avere il ruolo di opporsi proprio a queste derive organizzando il contrasto su base di classe e non nazionale o etnica. I fascisti e loro simili sono la filiazione d’emergenza del capitalismo che ha interesse a dividere e mettere uno contro l’altro chi invece dovrebbe fare fronte unico sulla base della propria situazione economica. Se da una parte ci sono gli sfruttatori “per bene” che usano gli immigrati come esercito di riserva del capitale dall’altra ci sono gli scagnozzi fascisti che sfruttano l’astio che si viene a creare tra i lavoratori autoctoni che reclamano il lavoro secondo certe giuste regole e gli immigrati che accettano di essere sfruttati a un livello invece inconcepibile per i primi generando così l’argomento degli stranieri che ci rubano il lavoro. Il compito della sinistra operaia dovrebbe essere quello di unire le classi subalterne perchè le onde migratorie, dovute a questioni macroscopiche, non sono realisticamente bloccabili nemmeno dal più repressivo dei sistemi (a meno di trasformare il paese in un mattatoio a cielo aperto e renderlo quindi inospitale anche per i residenti stessi) dunque occorre portare avanti un lavoro su più fronti che crei una situazione nella quale gli stranieri siano portati a ricevere i nostri stessi diritti, primo tra tutti quello di avere un’identità; se si rilasciassero dei documenti queste persone non sarebbero più virtualmente inesistenti e dunque utilizzabili usa e getta da chiunque e oltretutto anche i loro eventuali atti criminali sarebbero più individuabili e punibili se non potessero semplicemente sparire facendo qualche chilometro. Una volta integrati a livello legale i datori di lavoro, anche continuando a fare del nero non vedrebbero comunque più differenza legale tra stranieri e non. Questo ancora non basta, bisognerebbe anche ricalibrare le aspettative degli stranieri rispetto al lavoro per far si che non diventino una scala verso il basso per gli altri accettando condizioni inique e questo è compito a vari livelli delle istituzioni, con incentivi per facilitare le assunzioni in generale ma anche con controlli e pene più severe per chi infrange i limiti entro i quali il lavoro rimane dignitoso e delle organizzazioni operaie che devono fare un lavoro di tipo culturale perchè gli stranieri reclamino diritti uguali a quelli dei locali e non accettino lo sfruttamento in modo supino, non una integrazione buonista che sa di elemosina come da decenni cianciano i radical chic, ma una serie di provvedimenti coordinati tra istituzioni e società civile che, anzichè ciucciare consenso parlando alla pancia degli esasperati con espulsioni e atti di ostilità dall’effetto nullo o temporaneo su un fenomeno virtualmente inarrestabile come quello dell’immigrazione, creino una scala mobile volta a portare stranieri e non sullo stesso piano in quanto a diritti sociali. A quel punto se lotta di classe deve essere (ed è inevitabilmente finchè i rapporti di lavoro si baseranno sulla proprietà privata dei mezzi di produzione) sarà tra sfruttati e sfruttatori e non tra sfruttati e supersfruttati! Mi rendo conto che chiedere questo a uno stato che porta in seno il tipo di produzone capitalistica se,bra un controsenso, ma la democrazia borghese lascia comunque quello spazio di manovra minimo necessario a un partito con le giuste strategie e obiettivi per arrivare ad alcune leve di comando importanti che farebbero la differenza se in mano alle persone giuste, così come la fanno ora in negativo in mano a quelle sbagliate..

      Mi piace

      • Luca permalink
        22 marzo 2014 15:28

        dorogoj tovarish Dzerzhinskij, i ploho i slishkom mnogo pishesh’… Parli di “classe operaia” e non ti accorgi nemmeno che in Italia è scomparsa da almeno 20 anni: tanto è vero che oggi i partiti di quell’area si sono messi a parlare di femminismo, diritti degli immigrati e dei ricchioni proprio perchè alla classe operaia della giustizia sociale non frega nulla, almeno fintanto che avrà Sky TV, l’I-phone, le ferie pagate e il calcio alla domenica.
        Che gli immigrati siano un problema è sotto gli occhi di tutti, che gli Italiani paghino tasse e sanità anche per loro è altrettanto vero, basta vedere quante famiglie africane in Italia hanno 4-5 figli e quante famiglie italiane possono permettersi la stessa cosa).
        Comunque questo è un blog di musica, non la tribuna elettorale dell’onorevole Peppone.

        Mi piace

Trackbacks

  1. ROTTING CHRIST – Κατά Τον Δαίμονα Εαυτού (Season of Mist) | Metal Skunk
  2. Once upon a time in Norway #10 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: