Skip to content

KURNALCOOL – “Stand By Vì” (Hatefull Underground, 1998)

10 aprile 2010

I Kurnalcool sono uno dei miei gruppi preferiti. I loro dischi li avrò ascoltati non dico quanto “Seasons In The Abyss” ma almeno quanto “Hell Awaits” sì. Per chi non li conoscesse (gli ex lettori sicuramente sì, dato che, per un certo periodo, io e Bargone ne scrivevamo di continuo), stiamo parlando di una band anconetana, con una carriera ormai ventennale, che suona un efficacissimo heavy metal anni ’80 un po’ thrashettone e scrive testi in dialetto incentrati su esilaranti storie di vita vissuta a sfondo alcolico. Di una discografia che per ora consta di tre album in studio (un quarto è imminente) e un live, il mio preferito, e forse il migliore per avvicinarsi al loro etilico operato, è questo secondo “Stand By Vì”. L’iniziale “Piamola adè” è, come si suol dire, una dichiarazione di intenti. Un elogio della sbornia come filosofia di vita, intesa non come degrado ma come momento di convivialità e massima espressione di gioia di vivere. Ma i pezzi sono tutti indimenticabili. Come non scapocciare sui riff alla Ac/Dc di “Kupralcool”, dedicata alla sagra dell’uva di Cupra Montana, come non pogare contro il muro al ritmo della volgarissima “Porta ‘na donna”, come non aprire l’ennesima birra in memoria di un amore perduto (perchè lei si era rotta le palle di trascinarti a casa ubriaco ogni weekend, ovvio) ascoltando “Ricordo (quando stavo bè)”, come non rimembrare le prime devastanti sbronze adolescenziali con “Tù madre”, spassosa cover di “Somebody Put Something In My Drink” dei Ramones. Per tacere della splendida “Il tempo de juventì”, una canzone profondissima sulle crisi da maturazione e sul come uscirne con un bicchiere in mano e il metallo nelle orecchie. Boh, secondo me se uno è metallaro ‘sto disco gli deve piacere per forza. E non dico tanto musicalmente quanto filosoficamente. (Ciccio Russo)

8 commenti leave one →
  1. CertainDeath permalink
    11 aprile 2010 14:31

    Grandi i Kurnalcool! Ma Bargone la scriverà mai una recensione su ‘sto blog?

    Mi piace

  2. 11 aprile 2010 16:00

    Ma sì, ma sì, siamo ancora mooolto work in progress, tocca attendere un altro po’… E mica tornerà solo lui!

    Mi piace

  3. 12 aprile 2010 13:44

    citazione di breaking the law:-)

    Mi piace

  4. MasterPaskua permalink
    16 aprile 2010 11:19

    Yeah! le Kurnakkie Alkoolike!
    Appena torna, pretendo un commento di questo DISCONE da Trainspotting! Subito!

    Mi piace

Trackbacks

  1. Lettera aperta a Tori Amos « Metal Shock
  2. L’oltraggio di Fano, i Kurnalcool e una festa a lungo attesa « Metal Shock
  3. italianoChitarra [Ciccio Russo] « Metal Skunk
  4. Radio Feccia #7 | Metal Skunk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: